Concorso per 2 biologi (sicilia), 4 tecnici di laboratorio (sicilia) AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 1 DI AGRIGENTO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 6
Fonte: DIR N. 42 del 01-06-2012
Sintesi: AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 1 DI AGRIGENTO Concorso (Scad. 25 giugno 2012) Selezione, per titoli e colloquio, per l’affidamento di incarichi di collaborazione coordinata a progetto relativo alle figure ...
Ente: AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 1 DI AGRIGENTO
Regione: SICILIA
Provincia: AGRIGENTO
Comune: AGRIGENTO
Data di pubblicazione 01-06-2012
Data Scadenza bando 25-06-2012
Condividi

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 1 DI AGRIGENTO

Concorso (Scad. 25 giugno 2012)

Selezione, per titoli e colloquio, per l’affidamento di incarichi di collaborazione coordinata a progetto relativo alle figure professionali di biologi e tecnici di laboratorio


Si rende noto che in esecuzione della delibera n. 2658 del 5 aprile 2012 è indetto avviso pubblico, per il conferimento di incarichi a tempo determinato, di collaborazione coordinata a progetto, ai sensi dell’art. 7 comma 6 decreto legislativo n. 165/2001, per le figure professionali di n. 2 biologi e n. 6 tecnici di laboratori di cui:
- n. 2 biologi;
- n. 4 tecnici di laboratorio;
da destinare alla implementazione del Centro di qualificazione biologica Sciacca presso U.O. di Medicina trasfusionale del P.O. di Sciacca:
- n. 2 tecnici di laboratorio;
da destinare alle attività di Screening del carcinona del colonretto presso il Servizio epidemiologia del Dipartimento di prevenzione.
Il personale contrattualizzato ai sensi del presente bando usufruirà dell’organizzazione e della struttura del committente e, in sinergia con eventuali altre figure professionali afferenti al progetto, dovrà gestire l’attività prevista dal programma e garantirne il risultato.
La procedura di valutazione comparativa sulla base dei curricula presentati, nonché la prova colloquio, che saranno chiamati a sostenere i singoli candidati, è intesa a selezionare i soggetti in possesso dei requisiti generali e specifici richiesti, nonché a verificare le competenze maturate nel campo oggetto dell’attività da svolgere.
Il contratto Co.C.o.PRO. per la realizzazione del progetto avrà durata 12 mesi e la prestazione dell’attività professionale avverrà come segue:
- per la figura di biologo: per n. 38 ore settimanali cui verrà corrisposto un trattamento economico pari a € 60.822,55;
- per la figura di tecnico di laboratorio: per n. 36 ore settimanali cui verrà corrisposto un trattamento economico pari a € 32.491,16;
I superiori importi sono comprensivi di oneri e IRAP e saranno pagati in rate mensili posticipate.
Requisiti generali di ammissione Gli aspiranti all’incarico dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) cittadinanza italiana, salve le equiparazione previste dalla legge, o cittadinanza di uno dei paesi dell’Unione europea;
b) idoneità fisica all’impiego: l’accertamento dell’idoneità fisica all’impiego è effettuato prima dell’instaurazione del rapporto di lavoro;
c) possesso del titolo di studio previsto per l’accesso alla rispettiva figura professionale;
d) iscrizione all’albo professionale se ed in quanto prevista per l’esercizio della professione. L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei paesi dell’Unione europea, ove prevista, consente la partecipazione alla selezione, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.
Non possono accedere agli incarichi coloro che siano esclusi dall’elettorato attivo nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una Pubblica amministrazione, per avere conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile. I suddetti requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del presente avviso.
Requisiti specifici di ammissione per il conferimento dell’incarico di biologo
a) Diploma di laurea in scienze biologiche.
b) Iscrizione nell’albo dell’ordine professionale.
Requisiti specifici di ammissione per il conferimento dell’incarico di tecnico di laboratorio Sono quelli previsti dall’art. 41 del D.P.R. 27 marzo 2001 n. 220:
a) diploma di laurea corrispondente allo specifico settore di attività da indicarsi nel bando di concorso in relazione alle esigenze organizzative dell’azienda sanitaria;
- diploma universitario conseguito ai sensi dell’art. 6, comma 3, del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992 e successive modifiche ed integrazioni ovvero diplomi e attestati conseguiti in base al precedente ordinamento, riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al diploma universitario, ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici concorsi.
Tutti i requisiti di ammissione di cui sopra devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande d’ammissione.
Il difetto anche di uno solo dei requisiti prescritti comporta la non ammissione alla selezione.
Presentazione delle domande
Le domande di ammissione alla selezione, redatta su carta semplice secondo lo schema pubblicato nel sito istituzionale www.aspag.it e la documentazione ad essa allegata, dovranno essere indirizzate al direttore generale devono essere spedite con raccomandata A/R al seguente indirizzo: Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, viale della Vittoria n. 321 - 92100 Agrigento, ovvero presentate direttamente all’ufficio protocollo generale A.S.P. Agrigento.
Le domande devono pervenire, a pena di esclusione dal concorso, al predetto indirizzo entro il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto di avviso nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana - Serie Speciale Concorsi, qualora detto giorno dovesse cadere in un giorno festivo, il termine è prorogato al primo giorno successivo lavorativo.
La domanda si considera prodotta in tempo utile anche se spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine indicato.
A tal fine farà fede il timbro a data dell’ufficio, postale accettante.
Il termine fissato per la presentazione della domanda e dei documenti è perentorio; l’eventuale riserva d’invio successivo di documenti e priva d’effetto.
Per quanto altro non previsto dal presente avviso si fa rinvio alle vigenti disposizioni di legge in materia.
L’Azienda sanitaria provinciale si riserva la facoltà di modificare, prorogare, sospendere o revocare il presente avviso, in qualunque momento, in armonia a nuove disposizioni di legge o per ragioni di pubblico interesse, senza che gli aspiranti possano avanzare diritti di sorta.
La partecipazione al presente avviso comporta la totale accettazione delle clausole nello stesso contenute.
Nella domanda gli aspiranti dovranno dichiarare:
a) cognome e nome, la data ed il luogo di nascita, la residenza;
b) il possesso della cittadinanza italiana, salve le equiparazioni previste dalla legge, o cittadinanza di uno dei paesi dell’Unione europea;
c) il comune d’iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione delle liste medesime;
d) le eventuali condanne penali riportate, ovvero di non aver riportato condanne penali;
e) i titoli di studio posseduti;
f ) i servizi prestati presso pubbliche amministrazioni e le cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego;
g) l’idoneità fisica all’impiego;
h) il domicilio presso il quale deve essere fatta, a tutti gli effetti, ogni necessaria comunicazione inerente l’avviso. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza comunicata;
i) il consenso all’utilizzo dei dati personali, compresi quelli sensibili, se necessari alla procedura (decreto legislativo n. 196/2003).
Ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, resta salva la possibilità per l’amministrazione di procedere ad idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive.
L’omessa indicazione nella domanda di un dei punti sopra indicati determina l’esclusione dalla selezione, qualora il possesso dei requisiti di cui a detti punti non possa desumersi dal contenuto della domanda e/o dalla documentazione prodotta.
L’Azienda declina sin d’ora ogni responsabilità per la dispersione delle comunicazioni dipendenti da inesatta indicazione del recapito o di mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, o per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell’amministrazione stessa. La domanda deve essere firmata in calce senza nessuna autentica della firma, allegando fotocopia di un documento di identità in corso di validità.
Documentazione da allegare alla domanda Alla domanda di partecipazione alla selezione i concorrenti devono allegare, o autocertificare ai sensi dell’art. 19, 46 e 47 e del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 a pena di esclusione, i seguenti documenti:
1) titolo di studio;
2) abilitazione all’esercizio della professione ove esistente;
3) iscrizione rispettivamente all’albo o all’ordine ove richiesto.
Alla domanda devono, inoltre, essere allegate, tutte le certificazioni relative ai titoli che i candidati ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito a corredo del curriculum formativo e professionale redatto su carta libera datato, firmato.
I documenti e i titoli devono essere prodotti in originale, in copia autenticata ai sensi di legge ovvero attestati con dichiarazione sostitutiva e sono esenti dall’imposta di bollo.
È ammessa la dichiarazione sostitutiva di certificazione del possesso di stati, fatti, o qualità personali e la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi della vigente normativa.
Al fine della validaità delle dichiarazioni sostitutive, va allegata la copia fotostatica di valido documento di riconoscimento.
Ai sensi della direttiva n. 14/11 del Ministro della pubblica amministrazione e della semplificazione, che ha dettato nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive, di cui all’art. 15 della legge 12 novembre 2011 n. 183, nei rapporti tra Pubblica amministrazione e privati, non è consentito il rilascio di certificati da parte degli organi della stessa preposti o di privati gestori di pubblici servizi e pertanto l’acquisizione dei dati attinenti, stati, qualità personali e fatti, utili a documentare il curriculum presentato dal candidato, potrà avvenire esclusivamente attraverso la produzione, da parte dell’interessato, di dichiarazioni sostitutive di certificazioni o dell’atto di notorietà nelle forme e nei limiti previsti dal D.P.R. n. 445/2000.
La dichiarazione resa dal candidato, in quanto sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione, deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che si intende presentare.
L’omissione anche di un solo elemento comporta la non valutazione del titolo autocertificato. In particolare, con riferimento al servizio prestato, la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, resa con le modalità sopraindicate, deve contenere l’esatta denominazione dell’ente presso il quale il servizio è stato prestato, la qualifica, le date di inizio e conclusione del servizio prestato nonché eventuali interruzioni (es. aspettativa senza assegni ecc.) e quant’altro necessario per la valutazione del servizio stesso.
Criteri di valutazione dei titoli e del curriculum formativo Per la figura di biologo I titoli di carriera, accademici e di studio saranno valutati in conformità delle disposizioni contenute nel D.P.R. n. 483/97 che disciplina l’accesso alla dirigenza del Servizio sanitario nazionale e specificatamente dell’art. 55.
Per la valutazione delle pubblicazioni dei titoli scientifici e del curriculum formativo e professionale si applicano i criteri previsti dall’art. 11 del D.P.R. n. 483/97, nonché quelli di cui alla deliberazione n. 340 del 20 gennaio 2012, e la cui valutazione sarà rimessa ad una commissione formata da tre esperti e da un segretario, nominata con successivo atto dal direttore generale, che provvederà a elaborare apposita graduatoria.
In particolare la commissione provvederà a formulare i criteri e a stabilire i punteggi da attribuire al curriculum formativo e professionale di ciascun candidato, con conseguente formulazione della graduatoria finale.
A parità di punteggio totale precede il candidato più giovane.
Il colloquio sarà diretto alla valutazione delle conoscenze specifiche e delle capacità del professionista, con riferimento alle attività da espletare oggetto dell’incarico.
In particolare saranno prese a debita le valutazioni le competenze specifiche dimostrate nell’ambito della metodica NAT con almeno un minimo di comprovata esperienza lavorativa, con utilizzo di apparecchiatura Procleis Ultro, con relativa validazione all’utilizzo di tale metodica e procedura, comprovata conoscenza delle normative settore.
A parità di punteggio totale precede il candidato più giovane. Il colloquio sarà diretto alla valutazione delle conoscenze specifiche e delle capacità del professionista, con riferimento alle attività da espletare oggetto dell’incarico.
Il colloquio sarà diretto alla valutazione delle conoscenze specifiche e della capacità del professionista, con riferimento alle attività da espletare oggetto dell’incarico.
Trattamento dati personali Ai sensi dell’art. 10 comma 1 della legge n. 675/96 e successive modifiche ed integrazioni i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti presso le strutture organizzative di amministrazione del personale dell’azienda per le finalità di gestione della selezione e saranno trattati anche successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro per le finalità inerenti alla gestione del rapporto stesso.
Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti per la partecipazione al concorso.
Le medesime informazioni potranno essere comunicate alle amministrazioni pubbliche eventualmente interessate allo svolgimento della selezione od alla posizione del candidato.
La presentazione della domanda da parte del candidato, implica il consenso al trattamento dei propri dati personali compresi i dati sensibili a cura del personale assegnato all’ufficio preposto per la conservazione delle domande ed all’utilizzo delle stesse per lo svolgimento della procedura della selezione.
Il presente bando unitamente allo schema di domanda sarà pubblicato nel sito web istituzionale dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento www.aspag.it.
Il commissario straordinario: Messina