Concorso per 1 ricercatore universitario (lazio) UNIVERSITA' ''LA SAPIENZA'' DI ROMA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 78 del 05-10-2012
Sintesi: UNIVERSITA' DI ROMA LA SAPIENZA CONCORSO Procedura di valutazione comparativa, per titoli e colloquio, per il reclutamento di un ricercatore a tempo determinato - Tipologia A. IL ...
Ente: UNIVERSITA' ''LA SAPIENZA'' DI ROMA
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 05-10-2012
Data Scadenza bando 05-11-2012
Condividi

UNIVERSITA' DI ROMA LA SAPIENZA

CONCORSO
Procedura di valutazione comparativa, per titoli e colloquio, per  il
  reclutamento di un ricercatore a tempo determinato - Tipologia A. 
 
 
                        IL DIRETTORE GENERALE 
     del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, Respiratorie, 
            Nefrologiche, Anestesiologiche e Geriatriche 
 
    Visto il D.L. luogotenenziale 31 agosto 1945, n. 660; 
    Visti  i  DD.MM.   4.10.   2000   e   9.1.2001   concernenti   la
rideterminazione,         l'aggiornamento         dei         Settori
scientifico-disciplinari e definizione delle  relative  declaratorie,
nonche' le modificazioni delle corrispondenze, ai sensi  dell'art.  2
del D.M. 23 dicembre 1999; 
    Visto il D.P.R. 28.12.2000  n.  445  -  T.U.  delle  disposizioni
legislative   e   regolamentari   in   materia   di    documentazione
amministrativa; 
    Vista la legge 30.12.2010 n. 240; 
    Visti i DD.MM. del 24 e del 25 maggio 2011; 
    Visto il Regolamento  per  il  reclutamento  di  Ricercatori  con
contratto a tempo determinato in vigore emanato con D.R. n. 3860  del
14.11.2011; 
    Vista la convenzione stipulata con la Societa' MVS s.r.l. in data
02.11.2011; 
    Vista la Delibera del Consiglio del Dipartimento del 28.03.2012 -
n. 13; 
    Vista  la  Delibera  del  Senato  Accademico  nella  seduta   del
29.05.2012; 
    Vista  la  Delibera  del   Consiglio   di   Amministrazione   del
19.06.2012, 
 
                              Decreta: 
 
 
                               Art. 1 
 
 
                          Oggetto del bando 
 
 
    E' indetta una procedura di valutazione comparativa per titoli  e
colloquio per il reclutamento di n. 1  ricercatore  con  rapporto  di
lavoro a tempo determinato tipologia a),  con  regime  di  impegno  a
tempo pieno per svolgere attivita' di ricerca, della durata  di  anni
3, eventualmente prorogabile per ulteriore due anni, per l'esecuzione
del progetto di ricerca "Applicazione, sperimentazione e  valutazione
di nuovi device nel trattamento invasivo  della  sindrome  coronarica
acuta" (Responsabile Scientifico/titolare del progetto:  prof.  Carlo
Gaudio),  presso  il   Dipartimento   di   Scienze   Cardiovascolari,
Respiratorie,  Nefrologiche,  Anestesiologiche  e  Geriatriche  della
Sapienza Universita' di Roma, per il settore scientifico disciplinare
MED/11 (settore concorsuale 06/D1). 
    La    retribuzione,    compresi    gli     oneri     a     carico
dell'Amministrazione, sara' rapportata, in misura pari al 100%,  alla
posizione iniziale del Ricercatore di ruolo confermato a tempo pieno. 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                              Requisiti 
 
 
    Sono  ammessi  a  partecipare  alla  procedura   di   valutazione
comparativa  i  candidati  italiani  e  stranieri,  in  possesso  dei
seguenti titoli: 
    diploma di laurea in Medicina e Chirurgia; 
    diploma  di  specializzazione  in  Cardiologia  o   in   Malattie
dell'Apparato Cardiovascolare; 
    dottorato di  ricerca  o  equivalente,  conseguito  in  Italia  o
all'estero, in discipline affini a quello dell'oggetto del  programma
di ricerca; 
    n. min pubblicazioni: 12 - numero massimo pubblicazioni: 20; 
    piena padronanza (livello avanzato) della lingua inglese. 
    I suddetti requisiti devono  essere  posseduti  alla  data  della
scadenza del termine utile per  la  presentazione  delle  domande  di
ammissione alla presente selezione. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                        Domanda di ammissione 
 
 
    Le domande di partecipazione alla selezione devono essere inviate
per via telematica al seguente indirizzo: giorgio.varazi@uniroma1.it,
con le modalita' e nei termini previsti dal bando di selezione. Nella
domanda di partecipazione i candidati debbono indicare  un  indirizzo
di posta elettronica personale al quale inviare  ogni  comunicazione,
ivi comprese le convocazioni per il colloquio, senza che vi sia altro
obbligo di avviso.  Il  candidato  presenta  per  via  telematica  il
curriculum  vitae  in  formato  standard  secondo   uno   schema-tipo
approvato dal Senato Accademico reperibile al seguente  indirizzo  di
posta                                                     elettronica
http://www2.uniroma1.it/organizzazione/amministrazione/ripartizionepe
rsonale/documenti/modulistica/fac-simile_curriculum_RTD.doc,    anche
differenziato   per   macro-area,   con   allegato   l'elenco   delle
pubblicazioni, e comunque indicando nella  domanda  le  pubblicazioni
scelte  dal  candidato  come  piu'  significative,   secondo   quanto
stabilito dal Bando; le pubblicazioni scelte debbono  essere  inviate
in formato pdf oppure  inviate  per  posta  al  Dipartimento  che  ha
promosso la  procedura  entro  i  termini  stabiliti  nel  Bando.  Il
candidato puo' presentare ogni titolo da lui ritenuto utile  ai  fini
della valutazione, comprese lettere di presentazione, anche in lingua
straniera, redatte da studiosi italiani o stranieri. 
    Qualora il termine cada in giorno festivo, la scadenza slitta  al
primo giorno feriale utile. 
    Nella domanda di partecipazione il candidato,  pena  l'esclusione
dalla selezione, dovra' indicare: 
    1. cognome e nome; 
    2. data e luogo di nascita; 
    3. residenza; 
    4. codice fiscale (solo per i cittadini italiani); 
    5. la cittadinanza posseduta; 
    6. di essere iscritto nelle  liste  elettorali,  precisandone  il
Comune e indicando eventualmente i  motivi  della  non  iscrizione  o
della cancellazione dalle medesime; i candidati  cittadini  di  Stati
esteri dovranno dichiarare di godere dei diritti  civili  e  politici
negli  Stati  di  appartenenza  o  provenienza,  ovvero  del  mancato
godimento degli stessi; 
    7. se  cittadino  straniero,  di  godere  dei  diritti  civili  e
politici nello stato di appartenenza o di provenienza ovvero i motivi
del mancato godimento; 
    8. di non aver mai riportato condanne penali, ovvero le eventuali
condanne riportate indicando gli estremi delle  relative  sentenze  e
gli eventuali procedimenti penali pendenti; 
    9. l'attuale posizione nei riguardi degli obblighi militari (solo
per i cittadini italiani); 
    10. di  non  essere  stato  destituito  dall'impiego  presso  una
Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente  rendimento  e
di non essere stato dichiarato decaduto da  un  impiego  statale,  ai
sensi dell'art. 127 1 comma, lettera d)  del  DPR  10/01/1957,  n.  3
(solo per i cittadini italiani); 
    11. di avere un'adeguata conoscenza della lingua  italiana  (solo
per cittadini stranieri). 
    Alla domanda devono essere allegati: 
    1. fotocopia di un  documento  di  riconoscimento  e  del  codice
fiscale; 
    2. curriculum dell'attivita' scientifico-professionale  datato  e
firmato; 
    3. titoli ritenuti utili ai fini  della  selezione  con  relativo
elenco datato e firmato; 
    4. pubblicazioni scientifiche gia' stampate alla data di scadenza
del bando,  con  relativo  elenco  numerato,  datato  e  firmato  con
l'indicazione del nome degli autori, del titolo, della casa editrice,
della data e del luogo di edizione  oppure  del  titolo,  del  numero
della raccolta o del volume e dell'anno di riferimento. 
    I titoli che  il  candidato  intende  presentare  debbono  essere
prodotti in originale o in copia  dichiarata  conforme  all'originale
mediante dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta'  ai  sensi
dell'art. 47 del D.P.R. 445/2000 (all. C). 
    Tutte le modalita' di  autocertificazione  fin  qui  previste  si
applicano  indistintamente  ai  cittadini  italiani  e  ai  cittadini
dell'Unione Europea (art. 3 del D.P.R. 445/2000)  secondo  l'allegato
B. 
    I cittadini  extracomunitari  residenti  in  Italia,  secondo  le
disposizioni del regolamento anagrafico della  popolazione  residente
approvato con D.P.R.  n.  223/89,  possono  utilizzare  dichiarazioni
sostitutive limitatamente ai casi in  cui  si  tratti  di  comprovare
stati, fatti e qualita'  personali  certificabili  o  attestabili  da
parte di soggetti pubblici o privati italiani. 
    I certificati rilasciati dalle competenti autorita'  dello  Stato
di cui  lo  straniero  e'  cittadino  debbono  essere  conformi  alle
disposizioni vigenti nello Stato stesso e debbono,  altresi',  essere
legalizzati dalle competenti autorita' consolari italiane. 
    Agli atti e documenti redatti in lingua  straniera,  deve  essere
allegata una traduzione in lingua italiana  certificata  conforme  al
testo straniero, redatta dalla competente rappresentanza  diplomatica
o consolare, ovvero da un traduttore ufficiale. 
    Per le pubblicazioni stampate in Italia debbono essere  adempiuti
gli  obblighi  previsti   dall'art.   1   del   decreto   legislativo
luogotenenziale 31 agosto 1945, n. 660 ovvero dagli artt. 6 e  7  del
D.P.R. 3.5.2006 n. 252 (in vigore dal 2.9.2006). 
    L'assolvimento di tale obbligo deve essere certificato da  idonea
documentazione, unita alla domanda, che attesti l'avvenuto  deposito,
oppure  da  autocertificazione  del  candidato   sotto   la   propria
responsabilita', ai sensi del D.P.R. n. 445/2000. 
    Per le pubblicazioni stampate all'estero deve risultare la data e
il luogo della pubblicazione. 
    Le pubblicazioni debbono essere prodotte nella lingua di  origine
e se diversa da quelle  appresso  indicate,  tradotte  in  una  delle
seguenti lingue: italiano, francese, inglese, tedesco e  spagnolo.  I
testi tradotti devono essere presentati, unitamente  agli  originali,
in copia dattiloscritta resa conforme  all'originale  secondo  quanto
previsto dalla  normativa  vigente.  Tuttavia  per  le  procedure  di
valutazione comparativa riguardanti materie linguistiche  e'  ammessa
la presentazione di pubblicazioni compilate nella  lingua  o  in  una
delle lingue per le quali e' bandita la procedura, anche  se  diverse
da quelle indicate nel comma precedente. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                      Commissione Giudicatrice 
 
 
    La Commissione e' composta di tre professori di ruolo, di cui due
eleggibili di I fascia ed  uno  quale  membro  interno  indicato  dal
Dipartimento di I o II fascia. 
    i. membro interno: 
    per procedure a progetto [fondi di ricerca su progetto presentato
a Sapienza  (Dipartimenti)  o  ad  Enti  ed  Istituzioni  pubblici  o
privati] membro interno e' il titolare del progetto; 
    per procedure su fondi Sapienza non a progetto, il membro interno
e' designato dal Dipartimento tra gli  eleggibili,  come  di  seguito
specificato; 
    ii. due ulteriori componenti della Commissione  sono  sorteggiati
dal Dipartimento interessato tra gli eleggibili. 
    Il  sorteggio  dei  due  ulteriori  componenti  avviene  tra  gli
eleggibili del SSD o dei SSD di cui al bando, con la  limitazione  di
non piu' di un sorteggiato per Universita'. 
    Della nomina e' dato  avviso  mediante  affissione  all'Albo  del
Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, Respiratorie,  Nefrologiche,
Anestesiologiche e Geriatriche nonche' sul sito  web  della  Sapienza
Universita' di Roma e del Dipartimento  di  Scienze  Cardiovascolari,
Respiratorie, Nefrologiche, Anestesiologiche e Geriatriche. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                       Criteri di valutazione 
 
 
    La selezione e' per titoli e colloquio. 
    La Commissione nel  determinare  i  criteri  di  valutazione  dei
titoli  e  delle  pubblicazioni  deve  tenere  conto  delle  seguenti
priorita': 
    Le commissioni giudicatrici effettuano una  motivata  valutazione
seguita da una  valutazione  comparativa,  facendo  riferimento  allo
specifico  settore  concorsuale  e  all'eventuale  profilo   definito
esclusivamente  tramite   indicazione   di   uno   o   piu'   settori
scientifico-disciplinari,  del  curriculum  e  dei  seguenti  titoli,
debitamente documentati, dei candidati: 
    dottorato  di  ricerca o  equipollenti,  ovvero,  per  i  settori
interessati, il diploma di  specializzazione  medica  o  equivalente,
conseguito in Italia o all'estero; 
    eventuale attivita' didattica a livello universitario in Italia o
all'estero; 
    documentata  attivita'  di  formazione  o   di   ricerca   presso
qualificati istituti italiani o stranieri; 
    documentata attivita' in campo clinico relativamente  ai  settori
concorsuali nei quali sono richieste tali specifiche competenze; 
    realizzazione di attivita' progettuale relativamente  ai  settori
concorsuali nei quali e' prevista; 
    organizzazione, direzione e coordinamento di  gruppi  di  ricerca
nazionali e internazionali, o partecipazione agli stessi; 
    titolarita' di brevetti relativamente ai settori concorsuali  nei
quali e' prevista; 
    relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali; 
    premi e riconoscimenti nazionali e internazionali  per  attivita'
di ricerca diploma di specializzazione europea riconosciuto da  Board
internazionali, relativamente a quei settori concorsuali nei quali e'
prevista. 
    La valutazione  di  ciascun  titolo  e'  effettuata  considerando
specificamente la significativita' che esso  assume  in  ordine  alla
qualita' e quantita' dell'attivita' di  ricerca  svolta  dal  singolo
candidato. 
    Le  commissioni   giudicatrici,   inoltre,   nell'effettuare   la
valutazione  preliminare  comparativa  dei  candidati,  prendono   in
considerazione esclusivamente pubblicazioni o testi accettati per  la
pubblicazione secondo le norme  vigenti  nonche'  saggi  inseriti  in
opere collettanee e articoli editi su riviste in formato  cartaceo  o
digitale con l'esclusione di note interne o rapporti  dipartimentali.
La tesi  di  dottorato  o  dei  titoli  equipollenti  sono  presi  in
considerazione anche in assenza delle condizioni di cui  al  presente
comma. 
    Le commissioni giudicatrici effettuano la valutazione comparativa
delle pubblicazioni sulla base dei seguenti criteri: 
    originalita', innovativita', rigore metodologico e  rilevanza  di
ciascuna pubblicazione scientifica; 
    congruenza di ciascuna pubblicazione con il  settore  concorsuale
per il quale e' bandita  la  procedura  e  con  l'eventuale  profilo,
definito esclusivamente tramite indicazione di  uno  o  piu'  settori
scientifico-disciplinari, ovvero con tematiche  interdisciplinari  ad
essi correlate; 
    rilevanza scientifica della collocazione editoriale  di  ciascuna
pubblicazione  e   sua   diffusione   all'interno   della   comunita'
scientifica; 
    determinazione analitica, anche sulla base di criteri  conosciuti
nella   comunita'   scientifica   internazionale   di    riferimento,
dell'apporto individuale del candidato nel caso di partecipazione del
medesimo a lavori in collaborazione. 
    Le  commissioni  giudicatrici  dovranno  altresi'   valutare   la
consistenza complessiva della produzione scientifica  del  candidato,
l'intensita' e la continuita' temporale della stessa, fatti  salvi  i
periodi, adeguatamente documentati, di allontanamento non  volontario
dall'attivita' di ricerca, con particolare riferimento alle  funzioni
genitoriali. 
    Nell'ambito dei settori concorsuali in cui ne e' consolidato  uso
a  livello   internazionale   le   commissioni,   nel   valutare   le
pubblicazioni, si avvalgono anche dei seguenti  indicatori,  riferiti
alla data di scadenza dei termini delle candidature: 
    numero totale delle citazioni; 
    numero medio di citazioni per pubblicazione; 
    impact factor totale; 
    impact factor medio per pubblicazione; 
    combinazioni  dei  precedenti  parametri   atte   a   valorizzare
l'impatto della  produzione  scientifica  del  candidato  (indice  di
Hirsch o simili). 
    Sulla base della valutazione dei titoli, la Commissione  effettua
una selezione  dei  candidati,  approvando  una  "lista  breve",  che
include non meno del 10%  e  non  piu'  del  20%  dei  concorrenti  e
comunque non meno di 6 concorrenti; qualora il numero dei concorrenti
sia inferiore o pari a 6 i candidati sono  tutti  ammessi  alla  fase
successiva; la Commissione redige una relazione contenente: 
    profilo curriculare di ciascun candidato; 
    breve valutazione collegiale del profilo, anche in relazione alla
linea di ricerca e ad eventuali altri requisiti stabiliti dal  Bando,
e valutazione scientometrica complessiva (ad es.  numero  complessivo
pubblicazioni su banche dati internazionali,  citazioni  complessive,
citazioni medie, indice di Hirsch); 
    discussione collegiale su  profilo  e  produzione  scientifica  e
selezione anche a maggioranza degli ammessi alla seconda fase. 
    I candidati che abbiano  superato  la  fase  di  valutazione  dei
titoli e delle pubblicazioni sono invitati a sostenere  un  colloquio
pubblico, in forma seminariale, presso il  Dipartimento  interessato;
il seminario vertera' sulla attivita' di ricerca del  candidato,  con
possibilita' di interlocuzione. Al termine  del  seminario  segue  un
colloquio  con  la  Commissione,  volto  ad   accertare   un'adeguata
conoscenza di almeno una lingua straniera, secondo quanto specificato
nel bando. 
    Al termine della valutazione la Commissione redige una relazione,
contenente: 
    profilo curriculare di ciascun candidato; 
    valutazione del profilo e valutazione scientometrica complessiva; 
    breve valutazione collegiale del seminario e del colloquio; 
    discussione e  giudizio  collegiale  comparativo  complessivo  in
relazione a curriculum, prove e linea di ricerca ed  eventuali  altri
requisiti stabiliti dal bando; 
    indicazione del candidato  selezionato  per  il  prosieguo  della
procedura (all'unanimita', a maggioranza, nessun idoneo), che prevede
la chiamata da parte del Dipartimento. 
    La convocazione per il colloquio avverra' a mezzo raccomandata da
inviarsi almeno 20 giorni prima del suo svolgimento. 
    E' possibile derogare al termine di  preavviso  qualora  tutti  i
candidati esprimano il loro esplicito assenso scritto a rinunciarvi. 
    Per sostenere  il  colloquio  i  candidati  dovranno  presentarsi
muniti di idoneo documento di riconoscimento. 
    Il colloquio e' pubblico. 
    Di ogni riunione la Commissione dovra' redigere apposito verbale,
firmato in ogni pagina da tutti i  componenti  che  dovra'  contenere
indicazioni precise di tutti gli  atti  compiuti,  delle  discussioni
avvenute e delle conclusioni cui la Commissione e' pervenuta  durante
il corso dell'adunanza. 
    La Commissione dovra' concludere i suoi  lavori  entro  due  mesi
dalla data del suo insediamento. 
    Non si da' luogo a dichiarazioni  di  idoneita',  conseguenti  ai
risultati della graduatoria derivante dalla presente selezione. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                       Conclusione dei lavori 
 
 
    La Commissione dovra' concludere i suoi  lavori  entro  due  mesi
dalla data del suo insediamento. 
    Qualora i lavori non  siano  conclusi  nel  termine  suddetto  il
Rettore o suo delegato puo' concedere una proroga, valutati i  motivi
di richiesta da parte della  Commissione,  ovvero  con  provvedimento
motivato, avviare le procedure per la sostituzione dei componenti cui
siano imputabili le cause del ritardo,  stabilendo  nel  contempo  un
nuovo termine congruo, per la conclusione dei lavori. 
    2. La  Commissione,  al  termine  delle  procedure  di  selezione
pubblica dovra' indicare, previa  valutazione  comparativa,  mediante
attribuzione   di   un   punteggio   ai   titoli,   alla   congruenza
dell'attivita' scientifica con il settore scientifico-disciplinare  a
concorso ed a ciascuna delle pubblicazioni presentate  dai  candidati
ammessi alla  discussione  e  a  seguito  della  stessa,  e  mediante
l'espressione di giudizi collegiali, il vincitore  con  deliberazione
assunta a maggioranza dei componenti. 
    3. L'approvazione degli atti della selezione e' formalizzata  con
provvedimento del Direttore del Dipartimento. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
                      Chiamata del Dipartimento 
 
 
    Il Dipartimento di riferimento, formula la proposta  di  chiamata
del candidato individuato dalla Commissione entro i successivi trenta
giorni dall'approvazione degli atti (escluso il periodo  1  agosto-15
settembre). La delibera di chiamata deve essere assunta a maggioranza
assoluta  degli  aventi  diritto  (Professore  di  I  e  II  Fascia),
trasmessa all'Amministrazione tramite la competente Facolta' (secondo
quanto previsto dall'art. 9 comma 1 lettera c) e d) dello Statuto) ed
approvata dal Senato Accademico e,  per  le  implicazioni  di  natura
economico-finanziaria, dal Consiglio di Amministrazione. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                   Natura e stipula del contratto 
 
 
    Il contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, di durata
triennale prorogabile come indicato al successivo  art.  14,  che  si
instaura  con  il  ricercatore  e'  sottoscritto  dal  Direttore  del
Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, Respiratorie,  Nefrologiche,
Anestesiologiche e Geriatriche della  Sapienza  Universita'  di  Roma
deve contenere le seguenti indicazioni: 
    data di inizio e termine finale del rapporto di lavoro; 
    prestazioni richieste nell'ambito del programma e/o  progetto  di
ricerca; 
    trattamento economico complessivo; 
    struttura di afferenza; 
    nominativo del referente scientifico della ricerca; 
    settore scientifico disciplinare di pertinenza del programma  e/o
progetto di ricerca; 
    impegno orario a tempo pieno. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
                          Divieto di cumulo 
 
 
    Il contratto di cui al presente bando non e' cumulabile  ne'  con
analoghi contratti, neppure in altre sedi universitarie e/o strutture
scientifiche private, ne' con la borsa di Dottorato di  ricerca,  ne'
con assegni o borse di ricerca post-lauream. 
    Per  le  attivita'  compatibili,  si  applica  la  normativa  dei
Ricercatori di ruolo  confermati  a  tempo  pieno,  di  cui  al  D.L.
02/03/1987 n. 57 convertito in Legge 158/1987. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                     Trattamento dati personali 
 
 
    Ai sensi del Decreto legislativo 30/6/2003 n. 196,  l'Universita'
si impegna a rispettare il  carattere  riservato  delle  informazioni
fornite dal candidato: tutti i dati forniti saranno trattati solo per
le finalita' connesse e strumentali alla procedura e  alla  eventuale
nomina, nel rispetto delle disposizioni vigenti. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
                      Risoluzione del contratto 
 
 
    La risoluzione del contratto e' determinata: 
    dalla scadenza del termine; 
    dal recesso di una delle  parti,  che  opera  dal  momento  della
ricezione della relativa comunicazione; 
    da  inadempienza  del  Ricercatore  a  tempo  determinato   nello
svolgimento dell'attivita' stabilita dal programma  e/o  progetto  di
ricerca. 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                               Recesso 
 
 
    Durante i primi due mesi di attivita' ciascuna delle  parti  puo'
recedere in  qualsiasi  momento  dal  contratto  senza  l'obbligo  di
preavviso ne' indennita' sostitutiva del preavviso. 
    Il  recesso  opera   dal   momento   della   comunicazione   alla
controparte. 
    Il  recesso  del   Dipartimento   di   Scienze   Cardiovascolari,
Respiratorie,  Nefrologiche,  Anestesiologiche  e  Geriatriche   deve
essere motivato. 
    Trascorso il termine suddetto il ricercatore, in caso di  recesso
dal contratto, e' tenuto a dare un preavviso pari a 30 giorni. 
    In caso di mancato preavviso l'amministrazione ha il  diritto  di
trattenere un importo corrispondente alla retribuzione  spettante  al
Ricercatore per il periodo di preavviso non lavorato. 

        
      
                               Art. 13 
 
 
                 Ritiro di documenti e pubblicazioni 
 
 
    I candidati hanno diritto, previa richiesta scritta e  a  proprie
spese,   alla   restituzione   da   parte   dell'Universita'    delle
pubblicazioni e dei documenti presentati decorso il  termine  di  150
giorni dal decreto di approvazione degli atti e comunque non oltre  6
mesi  dall'approvazione  degli  stessi.   Tale   restituzione   sara'
effettuata salvo eventuale contenzioso in atto. Decorso il termine di
6  mesi  dalla  suddetta  data,  il  Dipartimento   disporra'   della
documentazione   secondo   le   proprie   esigenze    senza    alcuna
responsabilita' in merito alla conservazione del materiale. 

        
      
                               Art. 14 
 
 
                             Pubblicita' 
 
 
    Il presente bando e' pubblicizzato per via  telematica  sul  sito
web della Sapienza Universita' di Roma al seguente indirizzo 
 www.uniroma1.it/organizzazione/amministrazione/ripartizioneperson ale 
    sul  sito  web  del  Dipartimento  di  Scienze   Cardiovascolari,
Respiratorie, Nefrologiche, Anestesiologiche e Geriatriche  sul  sito
del MIUR e dell'Unione Europea nonche' all'albo del  Dipartimento  di
Scienze Cardiovascolari, Respiratorie, Nefrologiche, Anestesiologiche
e Geriatriche. 

        
      
                               Art. 15 
 
 
                               Proroga 
 
 
    Cosi'  come  previsto  all'art.  12  del   Regolamento   per   il
reclutamento di Ricercatori con contratto  a  tempo  determinato,  il
contratto potra' essere prorogato  per  ulteriori  due  anni,  previa
valutazione delle attivita' didattiche e fatto salvo  il  reperimento
del finanziamento per tale proroga biennale. 

        
      
                               Art. 16 
 
 
                            Norme finali 
 
 
    Per  quanto  non  previsto  dal  presente  bando,  e  per  quanto
compatibili, si applicano le disposizioni del Capo I  Titolo  II  del
Libro V del Codice Civile  e  delle  Leggi  sui  rapporti  di  lavoro
subordinato  nell'impresa,  nonche'  la  normativa  in   materia   di
reclutamento di ricercatori universitari. 
      Roma, 20 settembre 2012 
 
                                                         Il direttore