Concorso per 64 dottori di ricerca (campania) UNIVERSITA' 'L'ORIENTALE' DI NAPOLI

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 64
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 98 del 14-12-2012
Sintesi: UNIVERSITA' DI NAPOLI «L'ORIENTALE» CONCORSO   (scad.  14 gennaio 2013) Concorso per l'ammissione ai corsi di dottorato di ricerca XXVIII Ciclo (XIII Nuova Serie). ...
Ente: UNIVERSITA' 'L'ORIENTALE' DI NAPOLI
Regione: CAMPANIA
Provincia: NAPOLI
Comune: NAPOLI
Data di pubblicazione 14-12-2012
Data Scadenza bando 14-01-2013
Condividi

UNIVERSITA' DI NAPOLI «L'ORIENTALE»

CONCORSO   (scad.  14 gennaio 2013)
Concorso per l'ammissione ai corsi di  dottorato  di  ricerca  XXVIII
  Ciclo (XIII Nuova Serie). 
 
 
                             IL RETTORE 
 
    Visto il vigente Statuto dell'Ateneo; 
    Vista la legge 13/8/1984, n. 476  recante  norme  in  materia  di
borse di studio e di dottorati di ricerca  nelle  Universita',  cosi'
come integrata dall'art. 52, comma 57, della legge 28/12/2001, n. 448
e successive modificazioni; 
    Visto l'art. 4 della legge 3 luglio 1998 n. 210 che demanda  alle
Universita' la potesta' regolamentare  in  materia  di  dottorato  di
ricerca; 
    Visto il Regolamento  dell'Ateneo  in  materia  di  Dottorato  di
ricerca e Scuole dottorali emanato con D.R. 750 dell'8.5.2007; 
    Vista la legge 244 del 24 dicembre 2007 (Finanziaria 2008), che a
decorrere dal 1° gennaio  2008  ridetermina,  l'importo  annuo  della
borsa per la frequenza del dottorato di ricerca; 
    Vista la legge 30 dicembre 2010 n. 240; 
    Vista la Circolare n. 640 del 14.03.2011, con  cui  il  MIUR,  in
attesa dei decreti attuativi per in materia di Dottorato -  attesi  i
pareri dell'ANVUR - ha informato gli Atenei sui criteri  da  adottare
per la distribuzione dei fondi  per  l'attribuzione  delle  borse  di
dottorato; 
    Vista la relazione del Nucleo di  Valutazione  Interna,  relativa
all'esito positivo della verifica della  sussistenza  dei  prescritti
requisiti di idoneita'; 
    Visto il D.R. n. 962 del 24.10.2011 con cui a  far  data  dal  1°
gennaio 2012 sono state disattivate le Scuole Dottorali di Ateneo; 
    Visto il D.R. n. 965 del 24.10.2011 con cui sono  state  attivate
le nuove strutture  dipartimentali  di  Ateneo  con  l'afferenza  dei
relativi Dottorati di ricerca; 
    Viste le delibere rispettivamente del  Senato  Accademico  e  del
Consiglio di Amministrazione del 17 e 24 luglio  2012  relative  alla
ripartizione dei posti con borsa tra i 3 Dipartimenti di Ateneo; 
    Considerato che l'Ateneo partecipa, in qualita' di partner,  all'
attuazione, tra l'altro, di due progetti -  di  seguito  riportati  -
finanziati dalla Regione Campania  nell'ambito  del  bando  «Sviluppo
reti di eccellenza  tra  Universita',  Centri  di  Ricerca,  Imprese»
finanziato con fondi POR Campania FSE 2007-2013, Asse IV e V»: 
    Tracciabilita'   del   Patrimonio   Culturale   della   campania:
valorizzazione, comunicazione, sistemi e prodotti (TPCC-ValCSiP); 
    Reti, Politiche Pubbliche e Sviluppo (REPOS); 
    Considerato che nelle medesime sedute entrambi i  Consessi  hanno
deliberato di attribuire  n.  4  borse  di  dottorato  con  ulteriori
risorse disponibili e gia' appostate per ciascuno dei due progetti su
menzionati - nell'ambito del bando «Sviluppo reti di  eccellenza  tra
Universita', Centri di Ricerca, Imprese»  finanziato  con  fondi  POR
Campania FSE 2007  -  2013,  Asse  IV  e  V»  riservato  a  candidati
residenti nella Regione Campania; 
    Considerato poi che l'Ateneo ha  partecipato  all'attuazione  dei
«Percorsi universitari finalizzati alla incentivazione della  ricerca
scientifica,  dell'innovazione  e  del  trasferimento   tecnologico -
tipologia progettuale: dottorati di ricerca in azienda» a valere  sui
fondi P.O.R. Campania FSE 2007/2013; 
    Visto il decreto dirigenziale n. 130 del 19 giugno 2012  con  cui
la Regione Campania - nel selezionare i progetti presentati a  valere
sui  fondi  P.O.R.  Campania  FSE  2007/2013  -   ha   approvato   il
finanziamento di n. 2 Dottorati di ricerca dell'Ateneo  (Istituzioni,
Diritto ed Economia dei servizi  pubblici  e  Storia  delle  donne  e
dell'identita' di genere) assegnando  all'Ateneo  risorse  congruenti
all'attivazione di un numero di borse di studio pari a 6 (4+2)  sulla
tipologia progettuale «Dottorato in Azienda»  riservato  a  candidati
residenti nella Regione Campania; 
    Viste le proposte di attivazione pervenute dai 3 Dipartimenti  in
merito alla programmazione del  Dottorato  di  ricerca  XXVIII  ciclo
(XIII nuova serie) a.a. 2012/2013; 
    Viste le delibere rispettivamente del  Senato  Accademico  e  del
Consiglio di  Amministrazione  del  9  e  31  ottobre  2012  relative
all'attivazione del Dottorato di ricerca nell'ambito del XXVIII ciclo
(XIII nuova serie) per l'a.a. 2012/2013; 
    Accertata la disponibilita' economica sul pertinente capitolo  di
Bilancio dell'Esercizio Finanziario in corso; 
    Fatta Riserva di eventuali e successive  integrazioni  al  bando,
che  verranno  pubblicizzate  sul  sito   dell'Ateneo   all'indirizzo
www.unior.it Dottorati di ricerca; 
 
                              Decreta: 
 
 
                               Art. 1 
 
 
                             Attivazione 
 
 
    Sono   indetti,   per   l'anno   accademico   2012/2013,   presso
l'Universita'  degli  Studi  di  Napoli  «L'Orientale»,  i   pubblici
concorsi per  esami,  per  l'ammissione  ai  corsi  di  dottorato  di
ricerca,  XXVIII  Ciclo  (XIII  Nuova  Serie)  cosi'  come  riportato
nell'Allegato «A» parte integrante del presente decreto. 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Possono partecipare ai concorsi,  senza  limitazioni  di  eta'  e
cittadinanza, coloro che sono  in  possesso  del  Diploma  di  Laurea
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento - conseguito in Italia o
di analogo titolo accademico  conseguito  all'estero  preventivamente
riconosciuto dalle autorita' accademiche anche nell'ambito di accordi
interuniversitari di cooperazione e mobilita'. Qualora il titolo  non
sia gia' stato  riconosciuto,  sara'  il  Collegio  dei  docenti  del
dottorato di ricerca per il quale il candidato ha presentato  domanda
a deliberare  sull'equipollenza,  ai  soli  fini  dell'ammissione  al
corso. In tal caso, i candidati dovranno  allegare  alla  domanda  di
concorso  i  documenti  utili  a  consentire  la   dichiarazione   di
equipollenza, tradotti e legalizzati dalle competenti  rappresentanze
italiane del Paese  di  provenienza,  secondo  le  norme  vigenti  in
materia per l'ammissione di studenti stranieri  ai  corsi  di  laurea
delle universita' italiane. 
    Possono, altresi', partecipare ai concorsi anche coloro  i  quali
conseguiranno il  Diploma  di  Laurea  entro  la  data  di  effettivo
svolgimento della prova scritta dei singoli  concorsi.  In  tal  caso
l'ammissione verra' disposta «con  riserva»  ed  il  candidato  sara'
tenuto a presentare, a pena di decadenza, il relativo certificato  di
laurea ovvero l'autocertificazione  dell'avvenuto  conseguimento  del
Diploma di Laurea. 
    I titolari di assegni di ricerca possono essere ammessi anche  in
sovrannumero ai corsi di  dottorato  di  ricerca  che  riguardino  la
stessa area scientifico-disciplinare per la quale gli assegni  stessi
sono  stati  loro  conferiti,  previo  superamento  delle  prove   di
ammissione e, comunque, in numero non  superiore  ai  posti  messi  a
concorso. 
    Per i candidati che, nelle rispettive  graduatorie,  risulteranno
ammessi sui posti  con  borsa  finanziati  con  fondi  regionali,  e'
richiesta obbligatoriamente la residenza nella Regione Campania. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                     Presentazione delle domande 
 
 
    La domanda di partecipazione  ai  singoli  concorsi,  redatta  in
carta libera secondo lo schema allegato 1 al presente  bando  di  cui
costituisce  parte  integrante  e  corredata   della   documentazione
richiesta,   deve   essere   indirizzata   al    Magnifico    Rettore
dell'Universita'  degli  Studi  di  Napoli  «L'Orientale» -   Ufficio
Dottorato e Assegni di Ricerca - Via Nuova Marina, 59 -  Palazzo  del
Mediterraneo - 80133 Napoli. 
    La domanda dovra' pervenire - a pena di esclusione dal concorso -
entro il trentesimo giorno successivo a quello di  pubblicazione  del
presente Bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, IV
Serie Speciale «Concorsi ed Esami». Nel caso  in  cui  il  trentesimo
giorno dalla pubblicazione del presente bando coincida con un  giorno
festivo, il termine e' prorogato al primo giorno successivo utile. 
    La domanda dovra' essere inoltrata secondo una delle modalita' di
seguito indicate: 
      mediante consegna «a mano» all'Ufficio Dottorato e  Assegni  di
Ricerca, Via Nuova Marina, 59 -  Palazzo  del  Mediterraneo  -  80133
Napoli, nei seguenti giorni ed ore: lunedi', martedi'  e  mercoledi',
dalle ore 9.00 alle ore 12.00, giovedi' dalle ore 15,00  alle  16.30.
L'Ufficio suddetto rilascera'  ricevuta  dell'avvenuta  presentazione
della domanda; 
      mediante  spedizione  a  mezzo  Posta  -   esclusivamente   con
Raccomandata  AR  -  al   seguente   indirizzo:   Magnifico   Rettore
dell'Universita'  degli  Studi  di  Napoli  «L'Orientale»  -  Ufficio
Dottorato e Assegni di Ricerca, Via Nuova Marina, 59  -  Palazzo  del
Mediterraneo - 80133 Napoli. In tale caso non fara'  fede  il  timbro
Postale e il plico  contenente  la  documentazione  dovra'  pervenire
entro la data di scadenza ovvero entro trenta giorni  a  partire  dal
giorno successivo alla  data  di  pubblicazione  del  presente  Bando
all'Albo dell'Ateneo; 
      mediante  spedizione  a  mezzo  Posta  certificata  di   Ateneo
all'indirizzo: ateneo@pec.unior.it. 
      solo per gli  stranieri  residenti  all'estero  mediante  invio
telematico  all'indirizzo  dottric@unior.it  della  sola  domanda  di
partecipazione  e  del   bonifico   bancario   di   30,00   Euro,   e
successivamente l'intera  documentazione  richiesta,  per  posta  con
Raccomandata   AR   al   seguente   indirizzo:   Magnifico    Rettore
dell'Universita'  degli  Studi  di  Napoli  «L'Orientale»  -  Ufficio
Dottorato e Assegni di Ricerca, Via Nuova Marina, 59  -  Palazzo  del
Mediterraneo - 80133 Napoli. In questo  caso  fara'  fede  il  timbro
postale di invio, ma  la  documentazione  dovra'  comunque  pervenire
entro quindici giorni dalla data di scadenza del Bando. 
    Non si terra' conto delle domande pervenute o  spedite  oltre  il
trentesimo giorno successivo a quello di pubblicazione  del  presente
Bando nella Gazzetta Ufficiale Parimenti non si  terra'  conto  delle
domande pervenute o spedite prima della  pubblicazione  del  presente
Bando nella Gazzetta Ufficiale. 
    Nella domanda di  partecipazione,  che  deve  essere  redatta  in
lingua italiana con chiarezza e precisione (possibilmente  con  mezzi
elettronici o dattiloscritta o a stampatello),  il  candidato  dovra'
dichiarare sotto la propria responsabilita': 
      cognome e nome, data e luogo di nascita, cittadinanza (nel caso
di doppia cittadinanza, di cui una sia  quella  italiana,  si  dovra'
optare per quest'ultima), residenza e recapito  eletto  agli  effetti
del concorso, specificando altresi' il codice di avviamento postale e
il numero telefonico. I  cittadini  comunitari  e  stranieri  possono
eleggere un recapito italiano o indicare  la  propria  Ambasciata  in
Italia quale domicilio eletto; 
      l'esatta denominazione del concorso di dottorato per  il  quale
presenta domanda; 
      l'adeguata  conoscenza  della  lingua  italiana  (solo  per   i
cittadini stranieri); 
      il Diploma di Laurea posseduto con l'indicazione della data  di
conseguimento, del  voto  e  dell'Universita'  presso  cui  e'  stato
conseguito ovvero il titolo accademico conseguito presso  Universita'
straniere.  Se  il  titolo  straniero  e'   gia'   stato   dichiarato
equipollente  il  candidato   dovra'   indicare   gli   estremi   del
provvedimento di equipollenza. Nel caso in cui  il  titolo  straniero
non sia stato  gia'  dichiarato  equipollente,  il  candidato  dovra'
richiedere al Collegio dei docenti del corso per il quale  si  chiede
l'ammissione, la dichiarazione di riconoscimento del titolo  ai  soli
fini della partecipazione al concorso di dottorato ed  allegare  alla
domanda i documenti indicati all'art. 2; 
      l'impegno a frequentare a tempo pieno il corso di Dottorato  di
Ricerca secondo le modalita' che saranno  fissate  dal  Collegio  dei
docenti; 
      l'impegno   a   comunicare   tempestivamente   ogni   eventuale
cambiamento della  propria  residenza  o  del  recapito  eletto  agli
effetti del concorso; 
      di non fruire ovvero di non  aver  fruito  di  altra  borsa  di
studio per dottorato di ricerca; 
      di impegnarsi a non fruire contemporaneamente,  ove  risultasse
vincitore del presente concorso, di altre borse di studio a qualsiasi
titolo conferite, ad eccezione  di  quelle  concesse  da  istituzioni
nazionali o straniere utili ad  integrare  con  soggiorni  all'estero
l'attivita' di formazione o di ricerca del titolare della borsa; 
      di non essere dipendente di amministrazioni  pubbliche  ovvero,
in  caso  affermativo,  di  impegnarsi  a   collocarsi   in   congedo
straordinario senza assegni per il periodo di  durata  del  corso  di
Dottorato di Ricerca salvo i casi descritti all'art. 2  I  co.  della
Legge 476/1984 come modificato dalla Legge 240/2010  art.  19  co.  3
lett. b); 
      l'eventuale  titolarita'   di   assegno   di   ricerca   e   la
dichiarazione di volere concorrere su posti in soprannumero; 
      di aver preso visione del presente Bando di concorso. 
    I candidati che chiedono di sostenere l'esame in lingua straniera
devono allegare apposita istanza indirizzata al Collegio dei  docenti
del corso di Dottorato di Ricerca per il quale presentano la domanda. 
    I candidati sono tenuti a versare, entro il termine  di  scadenza
del presente bando,  un  contributo  -  per  le  spese  organizzative
concorsuali - di Euro 30,00 sul c/c n. 25/29 del San Paolo  Banco  di
Napoli - Agenzia 1 - Piazza Bovio n. 1 - Napoli  -  Codice  IBAN:  IT
08B0101003507000025000029 - intestato all'Universita' degli Studi  di
Napoli  «L'Orientale»  indicando   nella   causale   del   versamento
«Contributo per l'ammissione al concorso di dottorato  di  ricerca  -
XXVIII ciclo (XIII Nuova Sere) - A.A. 2012/2013». 
    Sono esonerati dal versamento  di  tale  contributo  i  candidati
stranieri extracomunitari e i disabili  con  invalidita'  documentata
compresa tra il 50% ed il 100%. 
    Ove il candidato  intenda  partecipare  a  piu'  concorsi  dovra'
presentare altrettante domande e per ogni domanda  dovra'  effettuare
il suddetto versamento di Euro 30,00. 
    Si precisa, a tal proposito, che non e' ammessa, per qualsivoglia
ragione, la restituzione del contributo versato per  l'organizzazione
del concorso. 
    Il  candidato  dovra'  presentare  unitamente  alla  domanda,  la
ricevuta di avvenuto  versamento  del  contributo  di  cui  sopra.  I
candidati portatori di handicap, ai sensi dell'art.  20  della  Legge
5.2.1992, n. 104, possono avanzare nella domanda  di  partecipazione,
esplicita richiesta riguardo all'ausilio necessario in  relazione  al
proprio handicap nonche' l'eventuale necessita' di  tempi  aggiuntivi
per l'espletamento delle prove d'esame. 
    L'Amministrazione universitaria non assume alcuna responsabilita'
nel caso di dispersione  di  comunicazioni,  dipendente  da  inesatta
comunicazione della residenza e  del  recapito  eletto  ai  fini  del
concorso  ovvero  da  mancata  oppure   tardiva   comunicazione   del
cambiamento  degli  stessi  ne'  per  eventuali  disguidi  postali  o
telegrafici non imputabili a colpa dell'Amministrazione stessa. 
    La domanda dovra', inoltre, contenere il consenso al  trattamento
dei dati personali ai sensi del D.L.  196/2003.  In  applicazione  di
tale legge, si informa che l'Universita' si impegna a  rispettare  il
carattere riservato delle informazioni fornite  dal  candidato.  Tali
dati saranno trattati solo per le finalita' connesse e strumentali al
concorso nonche' per l'eventuale stipula e gestione del rapporto  con
l'Universita'. 
    Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data  di  scadenza
del termine utile per la presentazione della domanda, ad eccezione di
quanto disposto all'art. 2, comma II, del presente Bando di  concorso
(ammissione con riserva). Sono esclusi dal concorso  i  candidati  le
cui domande non contengano tutte le dichiarazioni circa  il  possesso
dei requisiti di ammissione. I candidati sono ammessi al concorso con
riserva di accertamento dei requisiti richiesti. 
    Alla domanda di partecipazione ciascun candidato dovra' allegare:
un'autocertificazione di laurea contenente tutti gli esami sostenuti,
un dettagliato curriculum scientifico, un progetto di  ricerca  sulle
tematiche dello specifico dottorato. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                           Prove di esame 
 
 
    Gli  esami  di  ammissione  ai  corsi  di  Dottorato  di  Ricerca
consistono nello svolgimento di una prova scritta e di  un  colloquio
rivolti  ad  accertare  l'attitudine  del  candidato   alla   ricerca
scientifica, e riguarderanno  argomenti  propri  delle  tematiche  di
ricerca di ciascun dottorato. 
    Le prove di esame si svolgeranno presso i locali dell'Universita'
degli Studi di Napoli «L'Orientale» con le modalita' di cui ai  commi
successivi. 
    Il diario della prova scritta con l'indicazione  del  luogo,  del
mese, del giorno e dell'ora in cui la  medesima  avra'  luogo,  sara'
pubblicato - almeno 15 giorni  prima  -  sul  sito  dell'Ateneo.  Non
saranno inviate comunicazioni individuali. 
    Il diario della prova orale in mancanza di  rinuncia  scritta  al
preavviso di  legge  da  parte  dei  candidati  presenti  alla  prova
scritta, sara' pubblicato - almeno 20 giorni prima della data fissata
per la prova stessa -  sul  sito  dell'Ateneo.  Non  saranno  inviate
comunicazioni individuali. 
    La  mancata  presentazione  alle  prove  sara'  considerata  come
rinuncia al concorso, qualunque ne sia stata la causa. 
    Il giorno della prova scritta,  la  commissione  comunichera'  ai
candidati la data in cui potranno prendere visione dell'elenco  degli
ammessi alla prova orale. 
    I candidati stranieri  dovranno  dimostrare  anche  di  possedere
un'adeguata conoscenza della lingua italiana. 
    La prova scritta dovra' essere svolta da  tutti  i  candidati  di
norma in lingua italiana, in presenza di precise  motivazioni  potra'
essere  sostenuta   anche   in   lingua   straniera,   su   richiesta
dell'interessato e previa autorizzazione del Collegio dei docenti. 
    Per sostenere le prove, i  candidati  dovranno  esibire  uno  dei
seguenti documenti di riconoscimento in corso di validita': 
      a) carta d'identita'; 
      b) patente di guida; 
      c) passaporto; 
      d) tessera postale. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                      Commissioni giudicatrici 
 
 
    Le Commissioni giudicatrici, nominate con Decreto del Rettore  su
proposta del Collegio dei docenti, sono composte da tre membri scelti
tra professori di ruolo e Ricercatori di ruolo a tempo  indeterminato
ai quali possono essere  aggiunti  non  piu'  di  due  esperti  anche
stranieri, scelti nell'ambito degli enti e delle strutture  pubbliche
o private di ricerca. La nomina di tali esperti e'  obbligatoria  nel
caso di convenzioni od intese con piccole e medie imprese. 
    Ciascuna Commissione giudicatrice  per  la  valutazione  di  ogni
candidato, dispone di 60 punti per ognuna delle due prove. 
    E' ammesso al colloquio il candidato che abbia superato la  prova
scritta con una votazione non inferiore  a  40/60.  Il  colloquio  si
intende superato se il candidato  ottiene  una  votazione  di  almeno
40/60. 
    Alla  fine  di  ogni  seduta  dedicata  alla  prova   orale,   la
commissione giudicatrice forma l'elenco dei candidati  esaminati  con
l'indicazione dei voti da  ciascuno  riportati  nella  prova  stessa.
L'elenco,  sottoscritto  dal  Presidente  e  dal   Segretario   della
Commissione, e' affisso nel medesimo giorno, nella sede di esame. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                        Graduatoria di merito 
 
 
    Espletate le prove di concorso, la  Commissione  redige,  secondo
l'ordine  decrescente  della  votazione  complessiva  riportata,   la
graduatoria generale di  merito  sulla  base  della  somma  dei  voti
riportati da ciascun candidato nelle singole prove e trasmette  tutti
gli atti del concorso all'Ufficio Dottorato e Assegni di ricerca  per
gli adempimenti conseguenti di competenza. 
    In  caso  di  pari  merito  la  graduatoria  terra'  conto  della
situazione economica riferita all'ISEE (di cui al decreto legislativo
31 marzo 1998 n. 109 come modificato dal decreto legislativo 3 maggio
2000  n.  130)  relativo  all'anno   2011,   che   verra'   richiesto
dall'Ufficio competente. 
    Sono dichiarati vincitori, nel limite dei posti messi a concorso,
i candidati utilmente collocati nella su citata graduatoria  generale
di merito. 
    I cittadini stranieri  extracomunitari,  utilmente  collocati  in
graduatoria, saranno ammessi in soprannumero, su posti  senza  borsa,
nella misura del 50% dei posti a concorso. 
    Con Decreto Rettorale sara' approvata la graduatoria generale  di
merito  e  resa  pubblica  esclusivamente  con:  affissione  all'Albo
ufficiale dell'Ateneo. 
    Dalla data di pubblicazione decorrera' il termine  di  legge  per
eventuali impugnative. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
                         Ammissione ai corsi 
 
 
    I  candidati  saranno  ammessi  ai  corsi  secondo  l'ordine   di
graduatoria e fino alla concorrenza del  numero  dei  posti  messi  a
concorso per ogni singolo Corso di Dottorato di Ricerca. 
    In corrispondenza di  eventuali  rinunce  degli  aventi  diritto,
prima dell'inizio del  corso  e  comunque  entro  il  primo  anno  di
dottorato, subentreranno altrettanti candidati secondo l'ordine della
graduatoria. 
    In caso di utile collocamento in piu' graduatorie,  il  candidato
dovra' esercitare opzione per un solo corso di Dottorato di Ricerca. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                         Iscrizione ai corsi 
 
 
    I concorrenti risultati vincitori dovranno presentare oppure  far
pervenire tramite servizio postale all'Ufficio Dottorato e Assegni di
Ricerca, Via Nuova Marina,  59,  Palazzo  del  Mediterraneo  -  80133
Napoli, entro il termine perentorio di 15 giorni - che  decorrono  da
quello  successivo  al  ricevimento  della  relativa  notifica  -  la
sottoelencata documentazione in carta libera. Fara' fede il timbro  e
la data dell'ufficio postale di partenza: 
      domanda di iscrizione al primo anno di corso; 
      fotocopia fronte-retro di un documento di identita'; 
      ricevuta dei bonifici di cui al successivo art. 11; 
      n. 3 foto formato tessera; 
      n. 2 marche da bollo di € 14,62; 
      copia della situazione economica  ISEE  (Indicatore  Situazione
Economica Equivalente) relativa all'anno 2011. 
    Nella domanda di iscrizione il vincitore dovra' dichiarare: 
      di non essere iscritto/a e di impegnarsi a  non  iscriversi  ad
altro corso di Studio, di Diploma di Laurea o di Dottorato di Ricerca
per tutta la durata del corso; 
      di non essere iscritto/a  ad  una  scuola  di  specializzazione
ovvero di perfezionamento e, in caso affermativo, l'impegno scritto a
sospenderne o interromperne la frequenza prima dell'inizio del  corso
di dottorato; 
      di non avere fruito in precedenza  di  altra  borsa  di  studio
assegnata allo stesso titolo; 
      di impegnarsi a richiedere al Collegio dei Docenti del  proprio
corso di Dottorato di Ricerca l'autorizzazione per lo svolgimento  di
attivita' lavorative esterne o  per  la  prosecuzione  dell'attivita'
lavorativa  in  essere  al  momento  dell'iscrizione  al   corso   di
dottorato. (Si ricorda che il pubblico dipendente ammesso ai corsi di
dottorato di ricerca e' collocato, a domanda, fin dall'inizio  e  per
tutta la durata del corso, in congedo  straordinario  per  motivi  di
studio, ove ne ricorrano  le  condizioni  e  salvo  i  casi  previsti
dall'art. 2 I co. della Legge 476/1984, come modificato  dalla  Legge
240/2010 art. 19 co.  3  lett.  b).  Inoltre,  per  i  vincitori  del
Dottorato di Ricerca che non godono di borsa di  studio  o  rinuncino
alla stessa, vi e'  la  possibilita'  di  conservare  il  trattamento
economico, previdenziale  e  di  quiescenza  in  godimento  da  parte
dell'amministrazione presso la quale e'  instaurato  il  rapporto  di
lavoro (Legge 28 dicembre 2001 n. 448 art. 52 comma 57).  Il  periodo
di congedo straordinario e'  utile  ai  fini  della  progressione  di
carriera e del trattamento di quiescenza e di previdenza. 
    Qualora divenga assegnatario della borsa di studio dovra' inoltre
dichiarare: 
      di non cumulare la borsa stessa con altra  borsa  di  studio  a
qualsiasi  titolo  conferita,  tranne  che  con  quelle  concesse  da
istituzioni nazionali o straniere utili ad integrare,  con  soggiorni
all'estero, l'attivita' di ricerca del dottorando; 
      in caso di richiesta  accreditamento  della  borsa  di  studio,
indicare le relative coordinate bancarie (c/c  bancario:  numero  del
conto corrente, codice CAB e ABI, CODICE IBAN); 
      di impegnarsi a non superare, durante il periodo  di  fruizione
della borsa di studio, il reddito personale complessivo  annuo  lordo
di Euro 7.746,85 a pena di decadenza immediata dalla fruizione  della
borsa stessa. Alla determinazione del  suddetto  reddito,  concorrono
tutti i redditi di origine patrimoniale  nonche'  gli  emolumenti  di
qualsiasi altra natura aventi carattere ricorrente, con esclusione di
quelli aventi natura occasionale o derivanti da servizio militare  di
leva; 
      il proprio codice fiscale. 
      dichiarazione di essere ovvero non essere detentore di  reddito
da pensione previdenziale diretta. 
    Alla domanda dovra' essere allegata copia dell'avvenuta  apertura
della posizione INPS a gestione separata nonche'  copia  del  proprio
tesserino di codice fiscale. 
    Non si terra' conto delle domande di iscrizione  pervenute  oltre
il termine sopra richiamato. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
                              Subentri 
 
 
    Coloro che non avranno  provveduto  a  regolarizzare  la  propria
iscrizione entro i termini indicati all'art.  7  del  presente  bando
oppure  che  avranno   rilasciato   dichiarazioni   mendaci   saranno
considerati rinunciatari.  I  posti  resisi  in  tale  modo  vacanti,
saranno assegnati ad altri candidati idonei  secondo  l'ordine  della
graduatoria generale di merito entro i termini stabiliti dall'art.  7
comma 2) del presente Bando. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                           Borse di studio 
 
 
    Le borse di studio, il cui numero e' indicato per  ciascun  corso
di Dottorato di Ricerca di cui all'allegato «A» parte integrante  del
presente bando, sono assegnate  previa  valutazione  comparativa  del
merito e  secondo  l'ordine  definito  nelle  rispettive  graduatorie
formulate dalle Commissioni giudicatrici. 
    La borsa di studio e' erogata esclusivamente  a  coloro  che  non
possiedono  un  reddito  personale  annuo  lordo  superiore  a   Euro
7.746,85. Il superamento del limite di reddito determina  la  perdita
del diritto alla borsa di studio per l'anno in cui si e'  verificato,
e  comporta  l'obbligo  di  restituire  le  mensilita'  eventualmente
percepite. 
    L'importo annuo lordo della borsa di studio e' di Euro  13.638,47
(tredicimilaseicentotrentotto/47) ed e'  assoggettato  al  contributo
previdenziale INPS secondo la normativa vigente. 
    Le borse di Dottorato di Ricerca non possono essere cumulate  con
altre borse di studio a qualsiasi titolo conferite,  tranne  che  con
quelle  concesse  da  istituzioni  nazionali  o  straniere  utili  ad
integrare, con  soggiorni  all'estero,  l'attivita'  di  ricerca  del
dottorando. 
    L'importo della borsa di studio e'  aumentato  nella  misura  del
50%, proporzionalmente  ed  in  relazione  ad  eventuali  periodi  di
soggiorno all'estero. 
    La durata dell'eventuale attivita' di Dottorato di Ricerca presso
strutture non  coincidenti  con  la  sede  amministrativa  o  con  le
eventuali sedi convenzionate non potra', comunque,  essere  superiore
alla meta' della durata complessiva del corso di dottorato. 
    L'autorizzazione a recarsi presso strutture  italiane  od  estere
non facenti parte delle sedi convenzionate del Dottorato  di  Ricerca
per periodi continuativi superiori a sei mesi (ovvero prolungamento 
    continuativo di un periodo inizialmente inferiore) dovra'  essere
deliberata dal Collegio dei docenti. Per periodi inferiori a sei mesi
l'autorizzazione sara' concessa direttamente dal Coordinatore. 
    Il  pagamento  della  borsa  e'  effettuato   in   rate   mensili
posticipate. 
    Chi abbia fruito di una borsa di studio per un corso di Dottorato
di Ricerca non potra' chiedere di fruirne una seconda volta. 
    In caso di sospensione dal corso di durata superiore ai 30 giorni
ovvero di esclusione dal corso non potra' essere erogata la borsa  di
studio. 
    La borsa di studio e' confermata per l'anno accademico successivo
a seguito  della  delibera  del  Collegio  dei  Docenti  relativa  al
corretto   svolgimento   dell'attivita'   di   ricerca   prevista   e
subordinatamente al mantenimento dei requisiti di cui all'art. 2  del
presente Bando. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
               Contributo per l'accesso e la frequenza 
 
 
    I dottorandi titolari di borse di studio sono tenuti al pagamento
annuale della tassa regionale (Ai sensi dell'art.  18,  comma  8  del
d.lgs. 29.03.2012, n. 68) pari a 140,00 euro su  apposito  bollettino
postale e sono al contempo esonerati dal pagamento di contributi  per
l'accesso e la frequenza ai corsi. 
    I dottorandi non titolari di  borsa  di  studio  sono  tenuti  al
pagamento annuale della tassa regionale (Ai sensi dell'art. 18, comma
8 del d.lgs. 29.03.2012, n.  68)  pari  a  140,00  euro  su  apposito
bollettino postale e dovranno versare  annualmente,  gli  importi  di
contribuzione      che      scaturiscono       dalla       situazione
reddituale-patrimoniale e dalla composizione del nucleo familiare  di
appartenenza.  Tale  situazione  scaturisce  dall'attestazione   ISEE
(Indicatore della Situazione Economica Equivalente) riferita all'anno
2011 e viene cosi' suddiviso: 
      I fascia reddituale da € 0 ad € 10.000,00 di valore ISEE, tassa
fissa pari ad € 454,00; 
      II fascia reddituale da € 10.000,01 ad €  28.000,00  di  valore
ISEE,  tassa  differenziata  da  calcolare   utilizzando   l'apposita
formula: T = € 454,00 +  0,026  x  (ISEE/ISEEU-10.000,00)  reperibile
anche sul sito dell'Ateneo; 
      III fascia reddituale da  € 28.000,01  di  valore  ISEE,  tassa
fissa pari ad € 938,00. 
    Il versamento delle due rate del I anno saranno  effettuate  come
segue: 
      la I  rata  pari  ad  € 362,00  -  uguale  per  tutti  all'atto
dell'iscrizione al primo anno; 
      la II rata entro due mesi dall'iscrizione al primo  anno  cosi'
differenziata: 
        I Fascia reddituale: €92,00 (€ 454,00 - € 362,00); 
        II Fascia reddituale: tassa differenziata; 
        III Fascia reddituale: € 576,00 (€ 938,00 - € 362,00). 
    Tali importi si dovranno versare tramite  Bonifico  bancario  sul
c/c n. 25/29 del San Paolo Banco di Napoli - Agenzia 1 - Piazza Bovio
n. 1 - Napoli - Codice IBAN: IT 53G0101003593100000301499 - intestato
all'Universita' degli  Studi  di  Napoli  «L'Orientale»  specificando
nella causale «Contributo per frequenza Corso di Dottorato di ricerca
in ......... Ciclo.... ; 
    I versamenti effettuati in data successiva sono soggetti  a  mora
di Euro 72,00. 
    L'appartenenza alle singole fasce reddituali  e'  determinata  in
applicazione alla delibera del Consiglio  di  Amministrazione  del  7
giugno 2012 che ha definito le tasse ed i  contributi  di  iscrizione
all'Universita' degli Studi di Napoli «L'Orientale». 
    Si precisa, a tal proposito, che non e' ammessa, per qualsivoglia
ragione, la restituzione del contributo erroneamente versato. 
    I disabili non titolari di borsa di studio godono delle  seguenti
agevolazioni: 
      Invalidita' compresa tra il 50% ed il 66%:  esenzione  pari  al
50% dei contributi; 
      Invalidita' compresa tra il 66% ed il  100%:  esenzione  totale
dai contributi per tutta la durata degli studi. 
    Gli importi per gli anni successivi al primo -  con  scadenze  30
novembre e  31  marzo  -  saranno  assoggettati  agli  aumenti  ISTAT
nazionali, salvo diversa  deliberazione  degli  Organi  Accademici  o
modificati  in  base  a  nuove  deliberazioni  dei  medesimi   Organi
Accademici qualora piu' favorevoli. 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                  Obblighi e diritti dei dottorandi 
 
 
    I dottorandi hanno l'obbligo di frequentare i corsi di  dottorato
e di compiere continuativamente attivita'  di  studio  e  di  ricerca
nell'ambito delle strutture destinate a tal fine, secondo i programmi
e le modalita' fissati dal Collegio dei docenti. 
    Durante il corso, il  dottorando  puo'  essere  autorizzato,  per
esigenze  relative  alla  ricerca,  dal  Collegio  dei  docenti  alla
permanenza all'estero per un periodo non superiore alla  meta'  della
durata del corso stesso. 
    L'Ateneo provvede alla copertura assicurativa  per  infortuni  di
ciascun dottorando per l'intera durata del corso e garantisce, per lo
stesso periodo, la copertura assicurativa per responsabilita'  civile
dei dottorandi. 
    Il pubblico dipendente, ammesso ai corsi di dottorato di ricerca,
e'   collocato   a   domanda,   compatibilmente   con   le   esigenze
dell'amministrazione, in congedo straordinario per motivi  di  studio
senza assegni per il periodo di durata  del  corso  e  fruisce  della
borsa di studio ove ricorrano le  condizioni  previste.  In  caso  di
ammissione a corsi di dottorato di ricerca senza borsa di  studio,  o
di rinuncia  a  questa,  l'interessato  in  aspettativa  conserva  il
trattamento economico, previdenziale e di quiescenza in godimento  da
parte dell'amministrazione pubblica presso la quale e' instaurato  il
rapporto di lavoro. 
    Ai sensi dell'art. 2 I co. della Legge 476/1984  come  modificato
dalla Legge 240/2010 art. 19 co. 3 lett.  b)  non  hanno  diritto  al
congedo straordinario, con o senza assegni, i pubblici dipendenti che
abbiano gia' conseguito il  titolo  di  dottore  di  ricerca,  ne'  i
pubblici dipendenti che siano stati iscritti a corsi di dottorato per
almeno un anno accademico, beneficiando di detto congedo. 
    Ai  dottorandi  di  ricerca  puo'  essere  affidata  dall'Ateneo,
sentito il Collegio dei docenti,  una  limitata  attivita'  didattica
sussidiaria  o  integrativa,  tale   pero'   da   non   compromettere
l'attivita'  di  formazione  alla  ricerca.  L'attivita'   didattica,
facoltativa  e  senza  oneri  per  il  bilancio  dell'Ateneo,  verra'
attribuita secondo modalita' definite dal Senato Accademico. Essa non
da' luogo, a nessun titolo, a diritti in ordine all'accesso ai  ruoli
dell'Universita'. 
    L'inadempienza  degli  obblighi  previsti   per   il   dottorando
comportera' l'esclusione o la sospensione  dal  corso  con  decisione
motivata del Collegio dei docenti e  previa  verifica  dei  risultati
conseguiti. 
    I dottorandi sono tenuti a svolgere con assiduita'  le  attivita'
relative al piano di ricerca approvato ed a  presentare  al  Collegio
dei docenti, al termine di ogni anno, una relazione sulle attivita' e
le ricerche svolte nonche', alla fine del corso, la tesi di dottorato
con contributi originali. 
    A seguito della valutazione dell'attivita' svolta dal dottorando,
il Collegio dei docenti puo', con motivata deliberazione, proporre al
Rettore l'esclusione dal proseguimento del corso di dottorato. 
    E' prevista, di norma, l'esclusione dal  corso  di  Dottorato  di
Ricerca con decisione motivata del Collegio dei docenti in caso di: 
      giudizio negativo del Collegio dei docenti alla fine  dell'anno
di frequenza; 
      assunzione di  incarichi  di  lavoro  a  tempo  determinato  di
prestazione d'opera senza l'autorizzazione del Collegio dei docenti; 
      assenze ingiustificate e prolungate. 
    Il dottorando escluso e' tenuto alla restituzione  dei  ratei  di
borsa fino ad allora percepiti. 
    E' prevista, inoltre, la sospensione dal corso  di  Dottorato  di
Ricerca, con decisione motivata del Collegio dei docenti, in caso di: 
      maternita'; 
      assolvimento degli obblighi di leva; 
      grave e documentata malattia. 
    In caso di sospensione della frequenza per  maternita',  servizio
militare o civile, grave malattia o altra  causa  di  invalidita',  i
periodi di sospensione possono essere recuperati con l'autorizzazione
del coordinatore e sentito il Collegio dei docenti. 
    In caso di interruzione del corso di dottorato e'  fatto  obbligo
al borsista della restituzione dei ratei percepiti, relativi all'anno
per il quale e' stato emesso il provvedimento. 

        
      
                               Art. 13 
 
 
                      Conseguimento del titolo 
 
 
    Il titolo di  Dottore  di  Ricerca  (Ph.D)  viene  conferito  dal
Magnifico Rettore a conclusione del ciclo  di  dottorato  e  dopo  il
superamento  di  un   esame   finale   tendente   a   dimostrare   il
raggiungimento  di  risultati   di   rilevante   valore   scientifico
attraverso la presentazione di una  dissertazione  scritta  (Tesi  di
dottorato). Il Rettore invia copie delle  tesi -  per  il  deposito -
alle Biblioteche  Nazionali  di  Roma  e  Firenze  tramite  procedura
telematica. 
    L'esame  finale  si  svolge  attraverso  un  colloquio   con   il
candidato, avente per oggetto  la  sua  tesi  e,  in  caso  di  esito
negativo,  puo'  essere  ripetuto  una  sola  volta  sulla   medesima
dissertazione presentata -  esclusivamente  entro  l'anno  accademico
successivo e in concomitanza con la conclusione del successivo  Ciclo
di Dottorato di Ricerca. 
    Le commissioni giudicatrici dell'esame finale sono nominate,  per
ogni corso di dottorato, in conformita' al Regolamento di  Ateneo  in
materia. 

        
      
                               Art. 14 
 
 
                  Il Responsabile del Procedimento 
 
 
    Ai sensi di quanto disposto dall'art. 5 della legge 7.08.1990, n.
241, l'Unita'  Organizzativa  competente  e'  l'Ufficio  Dottorato  e
Assegni  di  Ricerca   dell'Universita'   degli   Studi   di   Napoli
«L'Orientale»,  Via  Nuova  Marina,  59 -   80133   Napoli   -   Tel.
081/6909301/302/304 - Fax. 081/6909307, Responsabile del procedimento
di cui al presente bando di concorso e' la Sig.a Fausta Colucciello. 

        
      
                               Art. 15 
 
 
                           Norme di Rinvio 
 
 
    Per quanto non previsto nel presente  Bando,  si  fa  riferimento
alla  normativa  vigente  in  materia  ed  al  Regolamento   d'Ateneo
riguardante il Dottorato di Ricerca nonche' alla normativa in tema di
pubblici concorsi. 
 
                                                 Il Rettore: Viganoni 

        
      
                                                             Allegato 
 

              Parte di provvedimento in formato grafico

 

        
      
                                                           Allegato A 
AFRICANISTICA 
    Coordinatore: Prof.ssa Maria Cristina Ercolessi. 
    Posti 4. 
    Borse di studio: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione con: Universita' di Addis Abeba: Department  of
History:  Ethiopian  Archaeology,  Institute  of  Language   Studies;
Department of Linguistics: Joint Doctorate in Wethiopian Philology. 
    Tematiche di ricerca: 
      costituiscono   tematiche   di   ricerca   del   dottorato   in
Africanistica  l'archeologia  e   la   preistoria   dell'Africa   con
particolare riguardo all'area etiopico eritrea, la filologia etiopica
con  particolare  riguardo  alla  letteratura  etiopica  antica,   la
linguistica e le letterature dell'Africa subsahariana con particolare
riguardo alle aree bantu, berbera, ciadica, etiosemitica e cuscitica;
la storia e le istituzioni dell'Africa con particolare riguardo  alle
tematiche dello sviluppo e del rapporto societa-Stato. 
    Specificita' curriculari: 
      le tematiche del Dottorato di Africanistica si  articolano  nei
seguenti percorsi curriculari: 
        1. Archeologia e preistoria  dell'  Africa,  con  particolare
riferimento  all'  area  sahariana,  etiopica-eritrea,  e  del  Corno
d'Africa 
      2.  Filologia,  Linguistica  e  letterature  dell'Africa,   con
particolare  riferimento   alle   aree   bantu,   berbera,   ciadica,
etiosemitica e cuscitica; 
      3. Storia e Sistemi politici e sociali  dell'Africa  moderna  e
contemporanea, con particolare riferimento  alla  storia  dell'Africa
subsahariana  e  alle  tematiche  dello  sviluppo  e   del   rapporto
Stato-societa' nell'Africa postcoloniale. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio  Ordinamento  o  equivalenti   nelle
scienze umane e sociali. 
    Gli studenti stranieri, oltre a seguire  le  modalita'  stabilite
dalle convenzioni internazionali  sottoscritte  dall'Ateneo,  nonche'
dall'art. 2 del Bando, dovranno allegare alla domanda due lettere  di
presentazione da  parte  di  docenti  non  appartenenti  alla  stessa
universita'. 
    Modalita' di ammissione: 
      Studenti italiani e stranieri: 
        prova scritta sulle tematiche del dottorato. Prova orale  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche curriculari prescelte. Discussione del progetto di  ricerca
che va allegato alla domanda di ammissione.  Prova  della  conoscenza
delle lingue straniere funzionali allo svolgimento della ricerca. Gli
studenti stranieri potranno servirsi, per il progetto di ricerca, per
la documentazione allegata, e per le prove di esame,  di  una  lingua
veicolare diversa da quella italiana. Per lo svolgimento delle  prove
orali e scritte di concorso in lingua non italiana  occorre  apposita
richiesta scritta, da allegare alla  domanda,  e  il  consenso  della
Commissione giudicatrice. 
ARCHEOLOGIA (RAPPORTI TRA ORIENTE ED OCCIDENTE) 
    Coordinatore: Prof.ssa Irene Bragantini. 
    Posti: 4. 
    Borse di studio: 2 di cui 1  finanziata  con  fondi  relativi  al
progetto «Sviluppo reti di  eccellenza  tra  Universita',  Centri  di
Ricerca, Imprese» riservata a residenti nella Regione Campania. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione con: Universita' di Torino «Scuola dottorale in
Culture classiche e moderne». 
    Tematiche di ricerca: 
      origini delle societa' complesse e dell'organizzazione  statale
del Mediterraneo ai paesi asiatici. 
      forme dello scambio e trasmissione delle ideologie. 
      iconografia, iconologia e strutture mentali. 
      le componenti della cultura,  della  societa'  e  dell'economia
egiziana in eta' ellenistica. 
      monumenti e cultura materiale. 
    Curricula: 
      preistoria e protostoria mediterranea e asiatica. 
      oriente ed Occidente nel 1° Millennio a.C. fino all'Eta' romana
e agli Han. 
      il Mediterraneo antico e l'Africa. 
      archeologia e storia dell'arte antica, medievale e islamica. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio      Ordinamento o      equivalenti.
Conoscenza di due tra le seguenti lingue europee: inglese,  francese,
spagnolo, tedesco. 
    Modalita' di ammissione: 
      Studenti italiani e stranieri: 
        prova scritta sulle tematiche del Dottorato. Prova orale  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche del Dottorato, discussione del progetto di ricerca allegato
alla domanda di ammissione, prova  della  conoscenza  di  almeno  una
delle lingue straniere specificate. 
ASIA ORIENTALE E MERIDIONALE 
    Coordinatore: Prof.ssa Giacomella Orofino. 
    Posti 4. 
    Borse di studio: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    In ollaborazione con:  Libera  Universita'  di  Bruxelles;  Minzu
University of China (The Central University of Nationalities). 
    Tematiche di ricerca: 
      le tematiche di ricerca  coprono  uno  spettro  di  settori  di
ricerca particolarmente ampio,  data  la  particolare  struttura  del
Dottorato articolato  in  due  curricula  e  in  cinque  profili.  Le
tematiche affrontate si  estendono  da  sperimentazioni  linguistiche
nella letteratura cinese "postmodernista" a  prodotti  informatici  e
problemi di  semantica  del  giapponese  moderno,  dalla  letteratura
"dell'esilio" in Cina alla cultura e identita' dei cinesi di Bali. Le
ricerche coperte del dottorato sono ampie ma nel  contempo  oltremodo
specialistiche,  tali  da  garantire  una   solida   formazione   dei
dottorandi in diversi settori all'avanguardia nella ricerca sull'Asia
Orientale e Meridionale. 
    Specificita' curriculari: 
      il dottorato AOM articolato in tre insiemi  geoculturali  (Asia
confuciana,   Sud-est   indianizzato/islamizzato   e   Sub-continente
indiano) e' strutturato in due curricula e sei profili; 
      il  primo  curriculum  ha  carattere  umanistico  ed  ha   come
obiettivo   l'approfondimento   di   singoli   aspetti   dell'insieme
geoculturale  prescelto  dal  candidato.  Questo  curriculum  prevede
quattro profili differenziati sulla base delle  esigenze  di  ricerca
del   dottorando:    letterario-artistico,    filologico-linguistico,
filosofico-religioso, socio-culturale; 
      il secondo curriculum, caratterizzato  prevalentemente  da  una
prospettiva contemporaneistica, privilegia l'approccio delle  scienze
sociali. Esso si articola in  due  profili:  politico-internazionale,
socio economico; 
      entrambi i curricula sono ulteriormente organizzati in  insiemi
geoculturali, tenendo conto della lingua  orientale  e  dell'area  di
studio prescelte dal dottorando. Data la varieta' delle tematiche  di
ricerca degli ambiti  metodologici  utilizzati,  nel  Dottorato  sono
coinvolti  numerosi  settori  scientifico-disciplinari   relativi   a
molteplici aree di afferenza: dalle Scienze delle Antichita' a quelle
Filologiche-letterarie, da  quelle  Storico-artistiche  alle  Scienze
politiche e sociali; 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    La conoscenza di una delle seguenti lingue  areali  e'  requisito
necessario per l'ammissione al  dottorato  AOM:  cinese,  giapponese,
indonesiano, coreano, tibetano, indi,  urdu,  sanscrito,  vietnamita.
Nel corso della prova orale viene accertata la conoscenza, oltre  che
della lingua areale,  di  almeno  una  lingua  straniera  comunitaria
ritenuta necessaria per lo svolgimento della ricerca. 
    Modalita' di ammissione: 
      Studenti italiani e stranieri: 
        prova scritta sulle tematiche del dottorato. Prova orale  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche curriculari prescelte. Discussione del progetto di  ricerca
che va allegato alla domanda di ammissione.  Prova  della  conoscenza
delle lingue straniere funzionali allo svolgimento della ricerca. Gli
studenti stranieri potranno servirsi, per il progetto di ricerca, per
la documentazione allegata, e per le prove di esame,  di  una  lingua
veicolare diversa da quella italiana. Per lo svolgimento delle  prove
orali e scritte di concorso in lingua non italiana  occorre  apposita
richiesta scritta, da allegare alla  domanda,  e  il  consenso  della
Commissione giudicatrice. 
FILOSOFIA E POLITICA 
    Coordinatore: Prof. ssa Rossella Bonito Oliva. 
    Posti: 4. 
    Borse 2. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione  con:  Departemento  de  Filosofia   y   Letras
(Puebla, Messico), Faculte' des  Lettres  (Aix-en-Provence,  France);
Universita' Federico II Napoli; Universita' Salerno; Istituto Scienze
Umane  (SUM)  di  Napoli  e  di  Firenze;  Istituto  Italiano   Studi
Filosofici; il Banfi  di  Reggio  Emilia;  il  Centro  di  eccellenza
Pareyson Torino. 
    Tematiche di ricerca: 
      1. Edizioni critichee traduzioni di testi, genetica dei  testi,
analisi testuale. Il testo filosofico e storico come documento. 
      2. Tematiche legate al sorgere della soggettivita'. 
      3. Questioni di ermeneutica filosofica. 
      4.  Storia  delle  idee   e   loro   incidenza   sugli   eventi
storico-politici. 
      5.  Filosofia  politica  e  sua  storia,   con   attenzione   a
problematiche  quali  la  globalizzazione,  forme   e   crisi   della
sovranita', biopolitica. 
      6.  Storia  e  analisi  del  pensiero  filosofico   occidentale
dall'antichita' ai giorni nostri, con particolare attenzione all'eta'
moderna, alla storia del pensiero scientifico e al  comparatismo  con
le culture extraeuropee. 
      7. Semiotica e filosofia del linguaggio. 
      8.  Tematiche  connesse  al   pensiero   contemporaneo,   quali
cognitivismo,  filosofia  della  mente,   intelligenza   artificiale,
bioetica. 
    Specificita' curriculari: 
      pur nella sua matrice di  Dottorato  filosofico,  esso  ha  una
vocazione tesa a una formazione alla ricerca, e tramite  la  ricerca,
che sappia coniugare studi rigorosi sul  pensiero  filosofico  e  sul
pensiero politico. In questa direzione  sono  stati  individuati  due
percorsi didattico-scientifici destinati a una reale interconnessione
e cooperazione : un indirizzo filosofico (storico e teoretico)  e  un
indirizzo politologico-storico, ambedue aperti  a  problematiche  che
trapassano dal mondo classico alla cultura contemporanea; 
      la connessione, scientifica e didattica, tra i due indirizzi e'
oggetto di rigorosa verifica. I  progetti  di  ricerca  sul  pensiero
filosofico vengono ancorati alla cultura politica e  alle  condizioni
storiche degli autori, degli ambienti, e delle  traduzioni  studiate,
mentre i progetti di studio sul pensiero  politico  o  sulle  vicende
storiche  vengono  costantemente  poste  sullo  sfondo  delle  grandi
problematiche   filosofico-teoretiche   del   tempo.    Con    questa
architettura,   il   Dottorato,   nella   prospettiva   della   nuova
legislazione universitaria e  delle  esigenze  di  assicurare  il  il
necessario  rapporto  tra  le  articolazioni  del  nuovo  ordinamento
didattico e i corsi  di  Dottorato  di  ricerca,  puo'  inserire  con
naturale  adeguamento  le   proprie   qualificazioni   e   competenze
all'interno  dell'organizzazione  didattica  dell'Ateneo.  In  questo
senso e' opportuno sottolineare: (1) le convergenze del Dottorato con
il nuovo ordinamento didattico del Corso di laurea in Filosofia;  (2)
le affinita' con  le  discipline  politico-storiche  insegnate  nella
Facolta'  di  Lettere  e  filosofia  e  nella  Facolta'  di   Scienze
politiche; (3) l'apertura alle culture filosofiche in senso  lato  di
cui il nostro Ateneo e' portatore e partecipe in tutte  le  aree  del
pianeta. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio      Ordinamento o      equivalenti.
Conoscenza di almeno una lingua straniera a scelta tra  le  seguenti:
inglese, francese, tedesco, spagnolo. 
    Modalita' di ammissione: 
      Studenti italiani e stranieri: 
        prova scritta sulle tematiche del Dottorato. Prova orale  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche del Dottorato, discussione del progetto di ricerca allegato
alla domanda di ammissione, prova  della  conoscenza  di  almeno  una
delle lingue straniere specificate. Gli  studenti  stranieri  possono
chiedere, fermo restando che debbono essere in grado di seguire corsi
anche in italiano, di poter svolgere la prova di ammissione, la  tesi
dottorale e l'esame  finale  anche  in  una  delle  lingua  veicolari
europee (inglese, francese, tedesco o spagnolo). 
ISTITUZIONI, DIRITTO ED ECONOMIA DEI SERVIZI PUBBLICI 
    Coordinatore: prof. Michele Gallo. 
    Posti: 8. 
    Posti con  borsa  di  studio:  4  finanziati  con  fondi  Regione
Campania «Tipologia progettuale: dottorati di ricerca  in  azienda» -
Riservati a residenti in Campania. 
    Posti senza borsa di studio: 4 - Senza obbligo  di  residenza  in
Campania. 
    Durata: 3 anni. 
    Tematiche di ricerca per posti con borsa: 
      responsabilita' sociale d'impresa; 
      energia da fonti rinnovabili (biomassa); 
      trasporto pubblico locale; 
      social Media Marketing per il Turismo. 
    Tematiche di ricerca per posti senza borsa: 
      economia pubblica; 
      economia politica; 
      politica economica; 
      economia applicata; 
      analisi dei dati, Diritto societa', Diritto  pubblico,  Diritto
privato, Diritto amministrativo, Diritto internazionale; 
      responsabilita' sociale d'impresa; 
      energia da fonti rinnovabili (biomassa); 
      trasporto pubblico locale; 
      social Media Marketing per il Turismo. 
    Data l'organizzazione del  dottorato,  oltre  a  quanto  previsto
nell'art. 12 del presente Bando, i dottorandi hanno l'obbligo di: 
      1.  svolgere  presso  un  Ateneo  straniero  o   un'istituzione
scientifica di  chiara  fama  un  periodo  di  studio  di  almeno  un
trimestre; 
      2. con l'eccezione di quanto previsto al punto 1 e  considerato
il calendario accademico, i dottorandi  sono  tenuti  a  svolgere  la
propria attivita' di studio presso la sede del dottorato; 
      3. seguire  almeno  il  75%  delle  attivita'  organizzate  dal
dottorato. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    Conoscenza di  due  tra  le  seguenti  lingue  europee:  inglese,
francese, spagnolo, tedesco. 
    Modalita' di ammissione: 
      Studenti italiani e stranieri: 
      prova scritta sulle tematiche del Dottorato.  Prova  orale  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche del Dottorato, discussione del progetto di ricerca allegato
alla domanda di ammissione, prova  della  conoscenza  di  almeno  una
delle lingue straniere specificate. 
ITALIANISTICA 
    Coordinatore: Prof. Carlo Vecce. 
    Posti: 4. 
    Borse di studio: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione con: Universita' di  Roma  Due  «Tor  Vergata»,
Universita'  di  Roma  Tre,  Universita'  degli  Studi  di   Bergamo,
University College Dublino, Universita' di Cambridge, Universite'  de
Caen (Basse Normandie); Universite' de Paris 3 Sorbonne Nouvelle. 
Tematiche di ricerca: 
      1. Letteratura italiana dal Medioevo all'Eta' Contemporanea. 
      2. Letteratura italiana, arti figurative e cinema. 
      3. Letteratura italiana in dimensione interculturale. 
Specificita' curriculari: 
    Attivita' di ricerca sulla tradizione della letteratura  italiana
nel suo complesso, intersecata su elementi di critica e teoria  della
letteratura, di filologia, di storia  linguistica,  e  coadiuvata  da
cicli di seminari svolti dai docenti del collegio  e  da  specialisti
esterni. Le lezioni sono svolte in forma di workshop -  ricerca,  con
apporto diretto dei dottorandi sulle ipotesi di lavoro  proposte  dai
docenti, e costantemente collegate  (almeno  da  un  punto  di  vista
metodologico)   al   lavoro   di   ricerca    individuale,    seguito
periodicamente dai tutors. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    Conoscenza di due lingue  straniere  tra  le  seguenti:  inglese,
francese, tedesco, spagnolo. 
    Modalita' di ammissione: 
      studenti italiani:  Prova  scritta  in  lingua  italiana  sulle
tematiche  del  Dottorato.  Prova  orale  in  lingua   italiana   con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche del Dottorato, discussione del progetto di ricerca allegato
alla domanda di ammissione, prova  della  conoscenza  di  almeno  una
delle due lingue straniere. 
      studenti stranieri: Prova scritta  in  lingua  italiana  (o  in
lingua straniera scelta tra  inglese,  francese,  tedesco,  spagnolo)
sulle tematiche del Dottorato. Prova orale  in  lingua  italiana  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche del Dottorato, discussione del progetto di ricerca allegato
alla domanda di ammissione,  prova  della  conoscenza  della  seconda
lingua straniera (scelta tra inglese, francese, tedesco, spagnolo). 
LETTERATURE COMPARATE 
    Coordinatrice: Prof.ssa Donatella Izzo. 
    Posti 4. 
    Borse: 2. 
    Durata: 3 anni. 
     In collaborazione con: Universita' di Torino Scuola dottorale in
Culture classiche e moderne; Univ.Paris III; Univ.Tours; Univ.  Paris
X; Univ. Grenoble; Univ. Tilburg - Olanda; Univ. Toronto - Canada. 
Tematiche di ricerca: 
      Traduzione e Traduttologia; Teoria della Letteratura  e  Teoria
della Critica; Letteratura Nazionale e Transnazionale; Letteratura  e
Questioni identitarie; Genetica e Ricezione Testuale. 
Specificita' curriculari: 
      il dottorato mira  a  formare  studiosi  dotati  di  competenze
specifiche in  almeno  due  tradizioni  letterarie  (oltre  a  quella
nazionale) e  di  una  solida  preparazione  teorica  e  critica  per
l'analisi letteraria in ambiti inter-  e  transculturali.  Ambiti  di
ricerca privilegiati sono: teoria  della  letteratura;  rapporti  tra
letterature  e  culture;   letterature   e   questioni   identitarie;
traduzione e traduttologia; genetica e ricezione  testuale.  I  cicli
didattici hanno sviluppato i  seguenti  temi:  «Moderno,  modernita',
modernismo»; «Metamorfosi di un classico»;  «Critiche  a  confronto».
Nell'elaborazione  delle  ricerche  individuali,  ampio   spazio   e'
assicurato alle competenze e agli interessi dei  singoli  dottorandi,
sotto la supervisione di uno o piu' componenti del Collegio. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento  o equivalenti. 
    Conoscenza di almeno due lingue straniere. 
    Modalita' di ammissione: 
      studenti italiani e stranieri: Prova  scritta  sulle  tematiche
del Dottorato. Prova orale con discussione della prova scritta  e  di
argomenti attinenti alle tematiche  del  Dottorato,  discussione  del
progetto di ricerca allegato alla domanda di ammissione, prova  della
conoscenza delle lingue straniere. 
LETTERATURE ROMANZE 
    Coordinatore: Prof. Clara Borrelli. 
    Posti: 4. 
    Borse di studio: 2 di cui 1 borsa finanziata con  fondi  relativi
al progetto «Sviluppo reti di eccellenza tra Universita',  Centri  di
Ricerca, Imprese» riservata a residenti nella Regione Campania. 
    Durata: 3 anni. 
    In Collaborazione con: Universita' Federico II, Istituto Italiano
per gli Studi Filosofici; 
Tematiche di ricerca: 
      il dottorato si fonda sul dato storico che il  bacino  romanzo,
un bacino letterario abbastanza  compatto  o  comunque  organico,  e'
attraversato da una  molteplicita'  di  interrelazioni  e  reciproche
influenze che riflettono, immanente, un'idea di continuita' storica e
geografica , non solo per  l'identita' delle radici  linguistiche  ma
per spirito, cultura temi e motivi di elaborazione ed uso comuni  che
possono ben costituire la rete dell'immaginario romanzo . 
    Le  tematiche  di  ricerca  si  basano  sui  seguenti   curricula
disciplinari: 
      letteratura italiana dell'Otto-Novecento nei suoi rapporti  con
le letterature romanze europee; 
      il romanzo del Novecento dell'area iberica; 
      le letterature romanze medievali; 
      il romanzo francese tra naturalismo e decadentismo; 
      la letteratura iberica del Cinquecento; 
      individuazione nell'ambito delle aree letterarie suddette di un
elemento trasversale attorno  a  cui  elaborare  un  discorso  comune
riguardante generi, forme e/o un tema specifico. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    Conoscenza di una o piu' lingue romanze, oltre la propria, tra le
seguenti:  Italiana,  Francese,   Spagnola,   Catalana,   Portoghese,
Brasiliana, Ispano-americana, Rumena, piu' dialettologia romanza. 
    Studenti italiani e stranieri: 
      Prova scritta sulle tematiche del Dottorato (se richiesto,  gli
studenti stranieri potranno svolgere la prova scritta in  una  lingua
romanza tra quelle indicate sopra). Prova orale con discussione della
prova scritta e di argomenti attinenti alle tematiche del  Dottorato,
discussione  del  progetto  di  ricerca  allegato  alla  domanda   di
ammissione, prova della conoscenza di una o piu' lingue romanze. 
STORIA DELLE DONNE E DELLE IDENTITA' DI GENERE 
(WOMEN'S AND GENDER HISTORY) 
    Coordinatrice: prof.ssa Emma Sarno. 
    Posti: 4. 
    Posti con  borsa  di  studio:  2  finanziati  con  fondi  Regione
Campania «Tipologia progettuale: dottorati di ricerca  in  azienda» -
Riservati a residenti in Campania. 
    Posti senza borsa di studio: 2 - Senza obbligo  di  residenza  in
Campania. 
    Durata: 3 anni. 
    In  collaborazione   con:   Universidad   Autonoma   di   Madrid,
Universita' de Paris X  Nanterre,  Universität  Wien,  University  of
Dundee (UK), Universita' de Rouen. 
    Tematiche di ricerca per posti con borsa: 
      Ruoli di genere e storia sociale delle piccole e medie  imprese
nel tessile campano. 
    Tematiche di ricerca per posti senza borsa: 
    ruoli di genere e storia sociale delle piccole  e  medie  imprese
nel tessile campano. 
    relazioni,  identita'  di  genere   e   sessualita':   tradizioni
giuridiche e culturali in Europa, Asia e Medio Oriente; 
      cittadinanza partecipazione e pratiche legali; 
      uomini e donne nella politica; 
      le famiglie in eta' moderna e contemporanea; 
      genere, religione e secolarizzazione; 
    storia e memoria; approccio biografico; 
      genere e migrazione; 
      il ruolo delle donne nei processi di sviluppo economico; 
      la divisione sessuale del lavoro: carriere e mobilita' sociale; 
      salute e cura: identita' e saperi scientifici; 
      pari opportunita' e azioni positive; 
      la statistica e le statistiche di genere. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio            Ordinamento             o
equivalenti.-Conoscenza di  almeno  due  lingue  straniere,  tra  cui
inglese, ed almeno una tra francese,  spagnolo,  tedesco,  cinese  ed
arabo. 
    Modalita' di ammissione: 
      Studenti italiani e stranieri: 
        prova scritta sulle tematiche del Dottorato. Prova orale  con
discussione della prova scritta e del progetto  di  ricerca  allegato
alla domanda di ammissione. Prova della conoscenza delle  due  lingue
straniere.  I  candidati  non  italiani  possono  svolgere  le  prove
(scritta e orale) in una delle lingue  dei  Paesi  delle  Universita'
consorziate con questo dottorato. 
STORIA  DELL'EUROPA  NELL'ETA'  MODERNA  CONTEMPORANEA:  ISTITUZIONI,
SOCIETA' CIVILE E SISTEMI DI RELAZIONE 
    Coordinatore: Prof. Luigi Mascilli Migliorini. 
    Posti: 4. 
    Borse di studio: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    Tematiche di ricerca: 
      Nella sua struttura costitutiva,  il  Corso  del  Dottorato  di
Ricerca prevede l' organizzazione in due fasi successive: 
        a)  fase  propedeutica,  di  formazione  mediante   corsi   e
seminari; 
        b) attivazione dei seguenti curricula: 
          istituzioni: diritti e poteri; 
          economie: imprese e mercati; 
          societa' civile: culture e gruppi sociali; 
          sistemi di relazione: Europa ed Americhe. 
    Nel ciclo del  Dottorato  di  Ricerca  si  organizzano  cicli  di
seminari trimestrali che abbiano omogeneita' problematica  e  che  si
inseriscano all' interno  di  uno  di  tali  curricula.  Inoltre,  in
ciascun ciclo, e' previsto un seminario dedicato  alla  storia  della
storiografia europea. Ciascun seminario e' in generale articolato  in
almeno due lezioni in modo da permettere un contatto piu' diretto tra
i dottorandi e il relatore. Alla fine di ciascun ciclo, i  dottorandi
devono presentare una relazione sui seminari cui hanno partecipato da
discutere con il Collegio. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    Conoscenza di  due  tra  le  seguenti  lingue  europee:  inglese,
francese, spagnolo, tedesco. 
    Modalita' di ammissione: 
      studenti italiani e stranieri: Prova  scritta  sulle  tematiche
del Dottorato. Prova orale con discussione della prova scritta  e  di
argomenti attinenti alle tematiche  del  Dottorato,  discussione  del
progetto di ricerca allegato alla domanda di ammissione, prova  della
conoscenza di almeno una delle lingue straniere specificate. 
STORIA DEL TEATRO MODERNO E CONTEMPORANEO 
    Coordinatore: Prof. Lorenzo Mango. 
    Posti 4. 
    Borse: 2 di cui 1 borsa finanziata con fondi relativi al progetto
«Sviluppo reti di eccellenza  tra  Universita',  Centri  di  Ricerca,
Imprese» riservata a residenti nella Regione Campania. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione con: Universita' di Torino Scuola dottorale  in
Culture classiche e moderne; Universite' de Paris III Ecole doctorale
Arts du spectacles, Sciences de l'information et de la communication;
Universite' de Paris IV Sorbonne Ecole doctorale 3. 
    Tematiche di ricerca: 
      teorie e tecniche della regia; 
      teorie e tecniche della recitazione; 
      drammaturgia del testo  (ambiti  francese,  inglese,  italiano,
russo, tedesco); 
      arti visive e tecniche dello spettacolo; 
      avanguardia e sperimentazione. 
    Specificita' curriculari: 
      specializzazione nel campo di  ricerca  del  teatro  moderno  e
contemporaneo mediante l'acquisizione  delle  metodologie  specifiche
del settore e delle conoscenze nei territori dei linguaggi delle arti
visive e delle letterature. 
      In  particolare:  formazione  di  base  in  cui  e'  curata  la
preparazione del dottorando nei campi delle teoriche e delle pratiche
teatrali degli ultimi secoli, dello sviluppo delle teoriche  e  delle
pratiche  artistiche,  della  drammaturgia  di  almeno   tre   ambiti
linguistici  diversi.  Questa   formazione,   che   caratterizza   in
particolare l'attivita' del primo e del secondo  anno,  viene  svolta
mediante lezioni e seminari curati dai docenti  del  dottorato  e  da
studiosi  ospiti.  Nel  corso  del  secondo  anno  e'   previsto   lo
svolgimento di almeno due seminari con ospiti esterni, dedicati  allo
studio di particolari  fenomeni  teatrali  significativi  nell'ottica
dell'interconnessione  dei  diversi  elementi  compositivi,  e  nella
visione transnazionale a transculturale del fenomeno teatrale. Sempre
nel corso del secondo anno e' previsto un incontro culturale  a  tema
con la presentazione di  relazioni  elaborate  tanto  dai  dottorandi
quanto dagli ospiti esterni. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento  o equivalenti. 
    Conoscenza di una lingua straniera  tra  le  seguenti:  francese,
inglese, russa, spagnola, tedesca. 
    Modalita' di ammissione: 
      studenti italiani e stranieri: prova  scritta  sulle  tematiche
del Dottorato. Prova orale con discussione della prova scritta  e  di
argomenti attinenti alle tematiche  del  Dottorato,  discussione  del
progetto di ricerca allegato alla domanda di  ammissione.  Nel  corso
della prova  orale  verra'  accertata  la  conoscenza  di  una  delle
seguenti lingue: inglese,  francese,  spagnolo,  tedesco,  russo.  Il
candidato dovra' specificare nella domanda la lingua prescelta. 
STUDI CULTURALI E POST-COLONIALI DEL MONDO ANGLOFONO 
    Coordinatrice: Prof.ssa Tiziana Terranova. 
    Posti 4. 
    Borse: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione con: Center for Cultural Studies, University of
California, Santa Cruz (USA), Universita'  di  Melbourne  (Australia)
Universita' di Warwick, Universita' di New York, Stony  Brook  (USA),
Royal College of Art London (GB), Goldsmiths College,  University  of
London, Universita' di  Sydney  (Australia),  Universita'  di  Urbino
Dipartimento di Sociologia, Universita' di  Salerno  Dipartimento  di
Lingue e Letterature Straniere. 
    Tematiche di ricerca: 
      il Dottorato, nella sua dimensione interdisciplinare, unisce lo
studio della letteratura a quello dell'arte e dei media,  analizzando
la produzione culturale e letteraria  dei  paesi  di  lingua  inglese
(Gran Bretagna, America,  Canada,  Caraibi,  subcontinente  asiatico,
Medio Oriente, Africa e Australia) attraverso l'apporto  degli  studi
culturali e post-coloniali, degli studi comparati e dell'analisi  dei
linguaggi  multimediali.  Le  prospettive  offerte  sono,   pertanto,
particolarmente attente ai seguenti ambiti: studi di genere  e  studi
culturali   in   ambito   angloamericano;   culture   e   letterature
postcoloniali;  scritture  della  differenza;   teorie   critiche   e
metodologie di  ricerca  storico-culturale;  studi  shakespeariani  e
revisioni moderne; sociologia dei processi culturali e  nuovi  media;
cultura e teoria filmica e visuale. 
    Specificita' curriculari: 
      questo Dottorato si qualifica soprattutto  per  una  dimensione
interdisciplinare e transculturale. Tra le specificita'  curriculari:
la teoria critica contemporanea; gli studi culturali e postcoloniali;
gli studi di genere, le revisioni e le riscritture postcoloniali;  la
traduzione  postcoloniale;  gli  studi   sulla   diaspora   e   sulla
migrazione; l'ecocritica; la  sociologia  dei  processi  culturali  e
nuovi media; lo studio della cultura e teoria filmica  e  visuale.  I
vari cicli  di  dottorato  vengono  di  volta  in  volta  dedicati  a
tematiche specifiche,  rivolgendo  una  particolare  attenzione  alle
dinamiche  moderne  dell'emigrazione,  alle  differenze   etniche   e
sessuali, e alla ricerca di nuovi equilibri nelle culture  del  mondo
postcoloniale. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti  in  studi
umanistici, scienze sociali. 
    Conoscenza della lingua inglese oltre all'italiano (solo per  gli
stranieri). 
    Modalita' di ammissione 
    Studenti italiani e stranieri: Prova scritta  in  lingua  inglese
sulle tematiche del Dottorato.  Prova  orale  con  discussione  della
prova scritta e di argomenti attinenti alle tematiche del  Dottorato,
discussione  del  progetto  di  ricerca  allegato  alla  domanda   di
ammissione, prova della conoscenza della  lingua  straniera  e  dell'
italiano (solo per stranieri). 
TEORIA DELLE LINGUE E DEL LINGUAGGIO 
    Coordinatrice: Prof.ssa Cristina Vallini. 
    Posti 4. 
    Borse di studio: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    Tematiche di ricerca: 
    tipologia e storia delle lingue; 
    dimensioni e condizioni linguistico antropologiche; 
    filosofie e concezioni del linguaggio in momenti e luoghi diversi
della storia del pensiero; 
    radici storiche dei  dibattiti  odierni  in  ambiti  semiotici  e
teorico-linguistici. 
    Requisiti    di    ammissione:    Diploma     di     Laurea     -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    Conoscenza  due  lingue  straniere  tre  le  seguenti:  francese,
inglese, portoghese, russo, spagnolo, tedesco. 
    Modalita' di ammissione: 
      studenti italiani e stranieri: Prova  scritta  sulle  tematiche
del Dottorato. Prova orale con discussione della prova scritta  e  di
argomenti attinenti alle tematiche  del  Dottorato,  discussione  del
progetto di ricerca allegato alla domanda di ammissione, prova  della
conoscenza delle lingue straniere indicate. 
TURCHIA IRAN ED ASIA CENTRALE 
     Coordinatore: Prof. Adriano Rossi; 
    Posti: 4. 
    Borse: 2. 
    Durata: 3 anni. 
    In  collaborazione  con:  Institut  national   des   langues   et
civilizations orientales, Parigi; l'Ecole pratique des hautes  etudes
(EPHE), Paris; l'Universita' Ca' Foscari, Venezia., l'INALCO el'EPHE.
Sono in via di definizione accordi con l'Universität Hamburg-Institut
Asien und Africa con cui esistono convenzioni gia' firmate per lauree
biennali congiunte (in un quadro multilaterale  che  coinvolge  anche
l'INALCO e l'Universita' di Varsavia), e, in Iran, le Universita'  di
Shiraz  e  Tarbiat-e  modarres  di  Tehran,  con  entrambe  le  quali
L'Orientale ha firmato convenzioni per lo scambio di docenti e per la
collaborazione a livello dottorale. 
    Tematiche di ricerca: ricerche relative all'archeologia e  storia
dell'arte iranica di epoca pre-achemenide,  achemenide,  sassanide  e
partica; ricerche relative all'archeologia e storia dell'arte iranica
in epoca islamica; dialettologia  e  linguistica  iranica;  filologia
iranica  applicata  alle  principali  lingue  di   epoca   antica   e
medioiranica,  e  con  specifici  interessi  all'area   di   contatto
indo-iranica; storia della lingua persiana e delle principali  lingue
iraniche; aspetti comparatistici  della  letteratura  persiana  dalle
origini alla letteratura contemporanea; storia dell'impero  ottomano;
filologia turca; letteratura  turca;  storia  e  ideologia  dell'Iran
preislamico ed islamico, e delle regioni  centroasiatiche  di  ambito
culturale turco e iranico. 
    Specificita' curriculari: 
      1^ Studi Iranici; 
    2^ Studi Turchi; 
    3^ Studi sull'Asia Centrale. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti. 
    Conoscenza di due lingue straniere tra le seguenti: 
      a) una delle principali lingue dell'Unione Europea; 
      b) una lingua scelta tra quelle iraniche e/o turche  antiche  o
moderne (nel caso di progetti di ricerca di carattere archeologico  o
storico-artistico puo' essere accettata la sostituzione di una lingua
del gruppo (b) con una seconda del gruppo (a)). 
    Modalita' di ammissione: 
      studenti italiani: Prova scritta sulle tematiche del Dottorato.
Prova orale con  discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti
attinenti alle tematiche del Dottorato, discussione del  progetto  di
ricerca allegato alla domanda di ammissione, prova  della  conoscenza
delle lingue straniere. 
      studenti stranieri: Prova scritta sulle tematiche del Dottorato
(eventualmente  in  una  lingua  straniera  da  concordare   con   il
Dottorato, che si riserva in tal caso di vagliare  le  conoscenze  di
base della lingua italiana). Prova orale con discussione (in francese
o inglese) del progetto di ricerca presentato  ai  sensi  del  bando,
prova della conoscenza delle lingue straniere. 
VICINO ORIENTE ANTICO 
    Coordinatore: Prof. Riccardo Contini. 
    Posti: 4. 
    Borse di studio: 2 di cui 1 borsa finanziata con  fondi  relativi
al progetto "Sviluppo reti di eccellenza tra Universita',  Centri  di
Ricerca, Imprese" riservata a residenti nella Regione Campania. 
    Durata: 3 anni. 
    In collaborazione con:  Universita'  di  Venezia  "Ca'  Foscari";
Universita' di Messina. 
    Universita'  di  Roma  "La  Sapienza",  Universita'  di   Padova,
Universita' di Udine, Universita' di Torino. 
    Pontificio Istituto Biblico,  Roma.  College  de  France,  Paris;
Ecole Pratique des Hautes Etudes, Paris; Akademie der  Wissenschaften
und  der  Literatur,  Mainz.   Universita'   di   Würzburg.   Cornell
University, Ithaca. 
    Tematiche di ricerca: 
    1)  Formazione  di  competenze  pluridisciplinari  nell'area  del
Vicino Oriente antico,  con  particolare   riferimento  agli  aspetti
storici, archeologici, epigrafici, filologici e letterari. 
    2) Lingue, storia e culture del Vicino Oriente  preclassico,  con
particolare riferimento alla  documentazione  epigrafica,  storica  e
letteraria dell'area mesopotamica e siro-palestinese  compresa tra il
III e il I millennio a.C. 
      3)   Tra   Oriente   e   Occidente:   epigrafia,   linguistica,
letteratura. La trasmissione e l'evoluzione del patrimonio  culturale
vicino-orientale nell'Occidente antico e tardo-antico. 
    Specificita' curricurali:: 
      il settore di ricerca del Dottorato concerne  le  civilta'  del
Vicino Oriente antico,  cosi'  come  attestate  dalla  documentazione
epigrafica, letteraria, storica, archeologica e artistica, relativa a
un vasto complesso di aree geografiche che si estendono  dalla  Valle
del Nilo  all'Iran,  comprendendo  l'Asia  Minore  e  l'Anatolia,  la
Siria-Palestina, la Mesopotamia e la Penisola Araba, nonche'  regioni
limitrofe a diverso titolo e  in  varia  misura  interagenti  con  il
multiforme insieme delle culture "centrali" del Vicino Oriente antico
(ad esempio: il Levante mediterraneo e il Golfo Persico); 
      in linea di massima, i limiti cronologici  si  estendono  dalla
meta' del IV millennio sino alla conquista di Alessandro Magno  e  al
processo di ellenizzazione dell'Oriente. Alcune  specifiche  aree  di
ricerca  prevedono  ampliamenti  cronologici  che  includono  periodi
successivi  al  tramonto  delle  facies  culturali  convenzionalmente
definite come "pre-classiche", e cio' in  ragione  di  sostanziali  e
caratterizzanti fenomeni di persistenze e continuita' sia  sul  piano
linguistico sia, piu' in generale, su quello storico-culturale. 
    Profili di ricerca prioritari sono: 
      pubblicazione di materiali inediti, con analisi  e  valutazione
critica   di   documentazione   epigrafica,   storico-letteraria    e
archeologica, in  vista  di  studi  di  sintesi  o  di  dettaglio  su
problematiche   originali   di   natura   filologica,    linguistica,
letteraria, religiosa e storico-culturale nella piu' ampia  accezione
del termine,  relativi  alle  varie  aree  di  documentazione  antico
vicino-orientali, cosi' come precedentemente individuate  in  termini
areali e cronologici; 
      studio dei fenomeni di interrelazione  tra  il  "centro"  e  la
"periferia", opportunamente; 
      selezionati in vista  di  approfondimenti  originali  nel  piu'
ampio contesto delle indagini relative; 
      alle formazioni culturali del Vicino Oriente antico, cosi' come
precedentemente individuate in termini areali e cronologici. 
    Requisiti     di     ammissione:     Diploma     di      Laurea -
Specialistica/Magistrale/Vecchio Ordinamento o equivalenti in settori
attenenti alle discipline umanistiche dell'antichita'. 
    Conoscenza  di  due  lingue  straniere  tra   inglese,   tedesco,
francese, spagnolo, russo. 
    Studenti italiani e stranieri: 
      prova scritta sulle tematiche del Dottorato.  Prova  orale  con
discussione  della  prova  scritta  e  di  argomenti  attinenti  alle
tematiche del Dottorato, discussione del progetto di ricerca allegato
alla domanda di  ammissione,  prova  della  conoscenza  delle  lingue
straniere.