Concorso per 1 direttore generale (campania) REGIONE CAMPANIA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 40 del 23-05-2014
Sintesi: REGIONE CAMPANIA Concorso (Scad. 23 giugno 2014) Avviso pubblico per il conferimento dell'incarico di Direttore generale dell'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno. ...
Ente: REGIONE CAMPANIA
Regione: CAMPANIA
Provincia: NAPOLI
Comune: NAPOLI
Data di pubblicazione 27-05-2014
Data Scadenza bando 23-06-2014
Condividi

REGIONE CAMPANIA

Concorso (Scad. 23 giugno 2014)

Avviso pubblico per il conferimento dell'incarico di Direttore generale dell'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno.

 
      
 
                               Art. 1 
 
 
                          Principi generali 
 
 
    1. La Regione Campania,  ai  sensi  del  decreto  legislativo  28
giugno 2012, n. 106 recante: "Riorganizzazione  degli  Enti  Vigilati
dal Ministero della  Salute,  a  norma  dell'art.  2  della  legge  4
novembre 2010, n. 183", e dell'Accordo sottoscritto  con  la  Regione
Calabria in data 5 dicembre 2013 per la "Disciplina  delle  modalita'
di  organizzazione  e  funzionamento  dell'Istituto   Zooprofilattico
Sperimentale del Mezzogiorno", ratificato con legge  regionale  n.  8
del 13 Febbraio 2014, pubblicata sul BURC n. 11 del 14.02.2014,  deve
provvedere, sentito il Ministro della Salute e  di  concerto  con  il
Presidente della Regione Calabria, alla nomina del Direttore Generale
dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, secondo i
criteri e le procedure di cui  al  decreto  legislativo  30  dicembre
1992, n. 502 e ss.mm.ii. 
    2. L'incarico sara' conferito con Decreto  del  Presidente  della
Giunta Regionale, sentito il Ministro della Salute e di concerto  con
il Presidente della Regione Calabria, e sara' regolato  da  contratto
di diritto privato di durata non inferiore a tre e  non  superiore  a
cinque anni, rinnovabile una  sola  volta,  stipulato  in  osservanza
delle norme del titolo terzo del libro quinto del Codice Civile e non
puo' protrarsi oltre il settantesimo anno di eta'.  Il  contenuto  di
tale contratto ed il relativo trattamento economico saranno stabiliti
in base alle vigenti disposizioni statali e regionali. 
    3. La carica  di  Direttore  Generale  e'  incompatibile  con  la
sussistenza di altro rapporto di lavoro,  dipendente  o  autonomo,  e
determina,  per  i  lavoratori   dipendenti,   il   collocamento   in
aspettativa senza assegni e il diritto al mantenimento del posto. 
                               Art. 2 
 
 
                              Requisiti 
 
 
    1. Gli aspiranti  alla  nomina  devono  essere  in  possesso  dei
seguenti requisiti: 
      a) diploma di laurea magistrale o equivalente; 
      b) comprovata esperienza  nell'ambito  della  sanita'  pubblica
veterinaria nazionale  ed  internazionale  e  della  sicurezza  degli
alimenti; 
                               Art. 3 
 
 
                Modalita' di partecipazione e termini 
 
 
    1.  Per  la  partecipazione  al  presente  avviso  gli  aspiranti
dovranno presentare apposita domanda, redatta in  carta  libera,  sul
modello di cui all'allegato A), che dovra'  pervenire  entro  le  ore
14.00 del trentesimo giorno successivo alla pubblicazione dell'avviso
nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  italiana  -  IV  Serie
Speciale  Concorsi  -  indicando  obbligatoriamente  sulla  busta  la
seguente dicitura "domanda di partecipazione all'avviso pubblico  per
il conferimento dell'incarico  di  Direttore  Generale  dell'Istituto
Zooprofilattico Sperimentale per il Mezzogiorno". 
    Nella domanda gli aspiranti dovranno indicare  sotto  la  propria
responsabilita', ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR n.  445/2000  e
ss.mm.ii.: 
      a. la data, il luogo di nascita,  la  residenza  ed  il  codice
fiscale; 
      b. il possesso della cittadinanza italiana o equivalente; 
      c. il Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, ovvero i
motivi della loro non iscrizione o della  cancellazione  dalle  liste
medesime; 
      d. di non  aver  riportato  condanne  penali  e  di  non  avere
procedimenti penali in corso (ovvero le eventuali condanne  riportate
o gli eventuali carichi pendenti); 
      e. il possesso dei requisiti richiesti; 
      f. i servizi prestati con  data  di  inizio  e  di  fine  degli
stessi; 
      g. di non trovarsi  in  nessuna  delle  condizioni  comportanti
decadenza dalla carica di cui all'art. 3, comma  11,  del  d.lgs.  30
dicembre 1992, n. 502 e successive modifiche ed integrazioni; 
      h. di non aver avuto  da  qualsiasi  Regione  della  Repubblica
italiana la risoluzione di un precedente contratto per lo stesso tipo
di incarico ai sensi dell'art. 3-bis, commi 6  e  7,  del  d.lgs.  n.
502/1992 e sue modificazioni ed integrazioni; 
      i.  il  domicilio  presso  il  quale  deve  essere  inviata  al
candidato ogni eventuale comunicazione, comprensivo di CAP  e  numero
telefonico.  L'aspirante  ha  l'obbligo   di   comunicare   eventuali
cambiamenti di indirizzo alla Regione, la quale  non  assume  nessuna
responsabilita'  nel  caso  di  irreperibilita'  presso   l'indirizzo
comunicato; 
      j. l'autorizzazione, ai sensi del d.lgs. 196/2003 e  successive
modifiche ed integrazioni al trattamento, alla comunicazione ed  alla
diffusione dei dati personali ai fini del procedimento selettivo  per
il quale sono dichiarati e degli adempimenti conseguenti, nei termini
e con le modalita' stabilite per legge o per regolamento. 
                               Art. 4 
 
 
                              Allegati 
 
 
    Alla domanda, redatta sul modello prestampato ( All. A)  dovranno
essere allegati, a pena di inammissibilita' della stessa: 
      1. una scheda riassuntiva dei titoli di studio e di  formazione
posseduti (All. B); 
      2. una scheda  riassuntiva  dei  dati  attestanti  l'esperienza
dirigenziale acquisita (All. C); 
      3. un elenco  riassuntivo  dei  servizi  prestati,  utili  alla
valutazione, con esatta indicazione della data di inizio  e  di  fine
degli stessi, datato e firmato (All. D); 
      4.  un  curriculum  formativo   e   professionale   aggiornato,
sottoscritto dall'interessato, nel quale saranno indicati i requisiti
posseduti, le capacita' professionali ed ogni  altro  elemento  utile
alla valutazione; 
      5. eventuali documenti e titoli ritenuti utili  ai  fini  della
valutazione; 
      6. una dichiarazione resa ai sensi degli  artt.  46  e  47  del
D.P.R. n. 445/2000 e ss.mm.ii. di non trovarsi in alcuna delle  cause
ostative di inconferibilita' o  di  incompatibilita'  previste  dalle
disposizioni vigenti in materia; 
      7. elenco, in  carta  semplice,  dei  documenti  e  dei  titoli
presentati, datato e firmato; 
      8.  copia  di  un  documento  di  riconoscimento  in  corso  di
validita'. 
                               Art. 5 
 
 
                            Trasmissione 
 
 
    1. La domanda dovra'  essere  indirizzata:  Al  Presidente  della
Regione Campania - Via Santa Lucia n. 81 -  80132  Napoli,  e  dovra'
pervenire entro e non oltre le ore 14.00 dell'ultimo giorno utile. 
    Il termine di presentazione della domanda, ove cada in un  giorno
festivo, sara' prorogato di diritto al giorno feriale  seguente.  Non
saranno prese in considerazione le domande pervenute oltre la data di
scadenza del termine fissato dal presente avviso. A  tal  fine  fara'
fede il timbro dell'Ufficio Regionale accettante. 
    2. L'eventuale riserva di invio successivo alla data di  scadenza
dell'avviso di documenti o titoli e' priva di  effetti,  ne'  saranno
presi in considerazione  eventuali  documenti  integrativi  pervenuti
oltre il termine di scadenza per la presentazione delle domande. 
    3. La Regione Campania non assume alcuna responsabilita'  per  la
mancata ricezione della domanda dovuta a disguidi postali o ad  altre
cause non imputabili all'Amministrazione. 
                               Art. 6 
 
 
                       Procedura di selezione 
 
 
    1. La procedura di  selezione  e  la  valutazione  in  ordine  al
possesso dei requisiti e dei titoli verra' effettuata da  Commissione
individuata con successivo provvedimento. 
    2. Ai sensi di quanto disposto dal decreto legislativo 30  giugno
2003, n. 196 e ss.mm.ii. i dati personali contenuti nella domanda,  o
comunque forniti dall'interessato,  saranno  trattati  esclusivamente
per le finalita' connesse all'espletamento della  presente  procedura
ed alla eventuale successiva stipulazione e gestione del contratto di
conferimento dell'incarico. 
                               Art. 7 
 
 
                             Esclusioni 
 
 
    1. Non possono essere nominati Direttori Generali: 
      a) coloro che hanno riportato condanna, anche non definitiva, a
pena detentiva non inferiore ad  un  anno  per  delitto  non  colposo
ovvero a pena detentiva non inferiore a  sei  mesi  per  delitto  non
colposo commesso nella qualita' di pubblico ufficiale o con abuso dei
poteri o violazione dei doveri inerenti  ad  una  pubblica  funzione,
salvo quanto disposto dal secondo  comma  dell'art.  166  del  codice
penale; 
      b) coloro che sono sottoposti a procedimento penale per delitto
per il quale e' previsto l'arresto obbligatorio in flagranza; 
      c) coloro che sono stati sottoposti,  anche  con  provvedimento
non definitivo, ad una misura di prevenzione, salvi gli effetti della
riabilitazione prevista dall'art. 15 della legge 3  agosto  1988,  n.
327, e dall'art. 14 della legge 19 marzo 1990, n. 55; 
      d) coloro che sono sottoposti a misura di sicurezza detentiva o
a liberta' vigilata. 
                               Art. 8 
 
 
                         Disposizioni finali 
 
 
    Per quanto non espressamente  previsto  dal  presente  avviso  si
rinvia alle disposizioni di cui al d.lgs.  n.  106/2012,  all'Accordo
tra la Regione Campania e la  Regione  Calabria  per  la  "Disciplina
delle  modalita'  di  organizzazione  e  funzionamento  dell'Istituto
Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno"  ratificato  con  legge
regionale n. 8 del 13 febbraio 2014, pubblicata sul BURC  n.  11  del
14.2.2014, al d.lgs. n. 502/92 e ss.mm.ii. ed alle  disposizioni  del
Codice Civile.