Concorso per 1 dirigente di seconda fascia (emilia romagna) UNIVERSITA' DI FERRARA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 69 del 05-09-2014
Sintesi: UNIVERSITA' DI FERRARA Concorso (Scad. 6 ottobre 2014) Concorso pubblico, per esami, per la copertura con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di un posto di dirigente di seconda fascia, per ...
Ente: UNIVERSITA' DI FERRARA
Regione: EMILIA ROMAGNA
Provincia: FERRARA
Comune: FERRARA
Data di pubblicazione 05-09-2014
Data Scadenza bando 06-10-2014
Condividi

UNIVERSITA' DI FERRARA

Concorso (Scad. 6 ottobre 2014)

Concorso pubblico, per esami, per la copertura con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di un posto di dirigente di seconda fascia, per l'Area economico-finanziaria.

 
 
                        IL DIRETTORE GENERALE 
 
    Visto il D.P.R. 10 Gennaio 1957, n. 3; 
    Visto il D.P.R. 3 maggio 1957, n. 686; 
    Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168; 
    Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241; 
    Vista la legge 10 aprile 1991, n. 125; 
    Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104; 
    Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537 ed in particolare  l'art.
5; 
    Visto il D.P.C.M. 7 febbraio 1994, n. 174; 
    Visto il D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487 e successive  modificazioni
ed integrazioni; 
    Vista  la  legge  31  dicembre  1996,   n.   675   e   successive
modificazione ed integrazioni; 
    Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127; 
    Visto il D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445; 
    Visto il d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e successive  modificazioni
ed integrazioni; 
    Visto il vigente Contratto Collettivo  Nazionale  di  Lavoro  del
personale dirigente Area VII Dirigenza delle Universita' e degli enti
di sperimentazione e di ricerca; 
    Visto il Regolamento in materia di accesso dall'esterno ai  ruoli
del personale tecnico-amministrativo - a  tempo  indeterminato  -  di
questa Universita' approvato con D.R. 17 Gennaio 2001, n. 15; 
    Vista la legge 16 gennaio 2003, n. 3; 
    Visto il d.lgs 30 marzo 2003, n. 196; 
    Visto il D.P.R. 16 aprile 2013, n. 70; 
    Considerato che  e'  stata  data  attuazione  a  quanto  disposto
dall'art. 30 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; 
    Vista la deliberazione del Consiglio di Amministrazione di questo
Ateneo del 27 marzo 2013; 
    Visto il decreto del Direttore  Generale  19  dicembre  2013,  n.
1486; 
    Visto il decreto del Direttore Generale 14 febbraio 2014, n. 164; 
    Accertata la copertura finanziaria sul bilancio dell'Ateneo; 
    Visto lo Statuto dell'Universita' degli studi di Ferrara; 
 
                               Ordina 
 
 
                               Art. 1 
 
 
    E' indetto un concorso pubblico, per esami, per la  copertura  di
n. 1 posto di Dirigente di seconda fascia, con  contratto  di  lavoro
subordinato a tempo indeterminato  per  l'Area  economico-finanziaria
presso questo Ateneo. 
    La figura professionale richiesta dovra': 
      supportare gli  organi  accademici  nell'attuazione  dei  piani
strategici dell'Ateneo; 
      dirigere, coordinare e controllare le  attivita'  degli  uffici
sottoposti; 
      organizzare e gestire il personale e le risorse strumentali  ed
economiche affidate; 
      definire gli obiettivi e gli standard di prestazione e qualita'
delle attivita' sottordinate, nell'ambito  delle  finalita'  e  degli
obiettivi generali stabiliti dagli organi accademici; 
      gestire la programmazione annuale e pluriennale  delle  risorse
economiche. 
    La  figura  richiesta  dovra'  inoltre   possedere   approfondite
conoscenze tecnico-professionali nei seguenti ambiti: 
      Legislazione universitaria; 
      Contabilita' economico-patrimoniale ed analitica e contabilita'
finanziaria; 
      Normativa  relativa  ai  trattamenti   economici,   fiscali   e
previdenziali del personale; 
      Normativa in ambito fiscale relativa agli atenei; 
      Programmazione  annuale  e  pluriennale,  gestione  dei  flussi
finanziari e rendicontazione nel rispetto delle norme di contabilita'
e finanza pubblica; 
      Lingua inglese; 
      Procedure informatiche nell'ambito dell'area di competenza. 
    L'Amministrazione garantisce  parita'  e  pari  opportunita'  tra
uomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro. 
                               Art. 2 
 
 
                  Requisiti generali di ammissione 
 
 
    Per  l'ammissione  al  concorso  e'  richiesto  il  possesso  dei
seguenti requisiti: 
      1) cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani
gli italiani non appartenenti alla Repubblica) ovvero cittadinanza di
altro Stato membro della Unione Europea o loro familiari  non  aventi
la cittadinanza di  uno  Stato  membro  purche'  siano  titolari  del
diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno  permanente,  nonche'
cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno
CE per soggiornanti di lungo  periodo  o  che  siano  titolari  dello
status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria. 
      2) titolo di studio: 
        diploma di laurea in Economia e commercio vecchio ordinamento
(ordinamento previgente il DM 509/1999) o equipollente; 
        laurea specialistica delle classi 64/S Scienze  dell'economia
o 84/S Scienze economico-aziendali conseguita ai sensi del DM 509/99; 
          laurea magistrale delle classi LM-56 Scienze  dell'economia
o LM-77 Scienze economico-aziendali. 
    I  titoli  di  studio   conseguiti   all'estero   devono   essere
riconosciuti equivalenti a  quello  suindicato  in  base  ad  accordi
internazionali o alla normativa vigente alla  data  di  scadenza  del
termine utile per la presentazione delle domande di partecipazione al
concorso. 
    3)  trovarsi  in  una  delle   seguenti   condizioni   soggettive
alternative: 
      a)  dipendenti  di  ruolo  di  pubbliche  amministrazioni,   in
possesso del titolo di studio  previsto  al  punto  2),  che  abbiano
compiuto almeno cinque  anni  di  servizio  o,  se  in  possesso  del
dottorato di ricerca o del  diploma  di  specializzazione  conseguito
presso le scuole di  specializzazione  individuate  con  decreto  del
Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto  con  il  Ministro
dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, almeno tre anni di
servizio, svolti in posizioni funzionali per l'accesso alle quali  e'
richiesto il possesso del dottorato  di  ricerca  o  del  diploma  di
laurea. Per i dipendenti delle amministrazioni  statali  reclutati  a
seguito di corso-concorso,  il  periodo  di  servizio  e'  ridotto  a
quattro anni; 
      b) soggetti in possesso della qualifica di dirigente in enti  e
strutture  pubbliche,  non  ricomprese  nel  campo  di   applicazione
dell'art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165  e
s.m.i., muniti del titolo di studio previsto al punto 2), che abbiano
ricoperto per almeno due anni le funzioni dirigenziali; 
      c)  aver  ricoperto  incarichi  dirigenziali  o  equiparati  in
amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni,
purche' in possesso del titolo di studio previsto al punto 2); 
      d) cittadini italiani, in possesso di idoneo titolo di  studio,
che abbiano maturato, con servizio continuativo  per  almeno  quattro
anni, presso enti od organismi internazionali, esperienze  lavorative
in posizioni funzionali apicali per l'accesso alle quali e' richiesto
il diploma di laurea. 
    4) essere  in  regola  con  le  norme  concernenti  gli  obblighi
militari. 
    5) godimento dei diritti politici. I  candidati  cittadini  degli
Stati membri dell'Unione Europea dovranno godere dei diritti civili e
politici negli stati di appartenenza. 
    Non possono essere ammessi alla selezione coloro che siano  stati
esclusi dall'elettorato politico attivo  e  coloro  che  siano  stati
destituiti   o   dispensati   dall'impiego   presso   una    pubblica
amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero  che
siano stati dichiarati decaduti da altro impiego  statale,  ai  sensi
dell'art.  127,  lettera  d),  del  testo  unico  delle  disposizioni
concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato,  approvato
con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3. 
    I requisiti prescritti  devono  essere  posseduti  alla  data  di
scadenza del termine utile per  la  presentazione  delle  domande  di
ammissione al concorso. 
    Non possono partecipare al concorso, coloro i quali,  al  momento
della presentazione della domanda,  abbiano  un  grado  di  coniugio,
parentela o affinita' entro il quarto grado compreso, con il Rettore,
con  il  Direttore  Generale  o  un  componente  del   Consiglio   di
Amministrazione dell'Ateneo. 
                               Art. 3 
 
 
                        Domande di ammissione 
 
 
    La domanda di ammissione al concorso, redatta  in  carta  libera,
secondo l'unito modello (allegato A) fornito anche per via telematica
(http://www.unife.it/concorsi),   dovra'   essere   indirizzata    al
Magnifico Rettore dell'Universita'  degli  studi  di  Ferrara  -  Via
Savonarola, 9 - 44121 Ferrara, entro  il  termine  perentorio  di  30
(trenta) giorni a decorrere dal giorno successivo a quello della data
di pubblicazione del presente bando nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica. 
    Le domande di ammissione al concorso si  considereranno  prodotte
in  tempo  utile  se  spedite  entro  il  termine  indicato  a  mezzo
raccomandata (a tal fine  fa  fede  il  timbro  a  data  dell'Ufficio
postale accettante) o consegnate direttamente all'Ufficio  Protocollo
Archivio, Via Savonarola, 9 - Ferrara nei seguenti giorni  ed  orari:
dal lunedi' al venerdi'  dalle  ore  9  alle  ore  12,30  e  martedi'
pomeriggio dalle ore 15 alle ore 16,30 (a tal fine fa  fede  la  data
indicata nella ricevuta rilasciata dall'Ufficio Protocollo Archivio). 
    Saranno altresi' ritenute  valide  le  istanze  inviate  per  via
telematica all'indirizzo ateneo@pec.unife.it  se  effettuate  secondo
quanto previsto dal  Codice  dell'amministrazione  digitale  (Decreto
legislativo  7  marzo  2005,  n.  82,  e  smi)   e   se   provenienti
dall'indirizzo personale PEC del candidato (le istanze  pervenute  ad
ateneo@pec.unife.it  da  email  tradizionali  non  saranno  accolte).
L'istanza, firmata con firma digitale o con firma autografa  scansita
ed accompagnata da copia del documento di  identita',  dovra'  essere
trasmessa, unitamente agli allegati, in formato .pdf e la  dimensione
complessiva del file non dovra' superare i 20 MB. Nel caso di file di
dimensioni  superiori,  ogni  ulteriore  invio  (nei  termini   sopra
indicati)  dovra'  essere  corredato  di  una  nota  indirizzata   al
Magnifico Rettore contenente le indicazioni necessarie ad individuare
la selezione a cui si intende partecipare con relativo  elenco  degli
allegati. 
    Per  ulteriori  informazioni  tecniche,  consultare  la   pagina:
http://www.unife.it/ateneo/pec. 
    Qualora il termine di scadenza indicato cada in  giorno  festivo,
la scadenza slitta al primo giorno feriale utile. 
    Ai sensi di quanto disposto dall'art. 39, del D.P.R. 445/2000  la
sottoscrizione della domanda non va autenticata. 
    Nella domanda i candidati devono chiaramente indicare il  proprio
cognome e nome, data e luogo di nascita. Le donne  coniugate  debbono
indicare il cognome da nubile. 
    I  candidati  devono  inoltre   dichiarare   sotto   la   propria
responsabilita' di essere  in  possesso  di  tutti  i  requisiti  per
l'ammissione al concorso di cui all'art. 2 del presente bando. 
    Alla domanda deve  essere  allegato  un  curriculum  formativo  e
professionale, sottoscritto e datato in formato europeo. 
    Nella domanda deve essere indicato il recapito che  il  candidato
elegge ai fini del concorso. 
    Ogni   eventuale   variazione   dello    stesso    deve    essere
tempestivamente  comunicata  all'Ufficio  cui  e'  stata  indirizzata
l'istanza di partecipazione. 
    La partecipazione al concorso comporta il versamento di una tassa
di  10,00 da effettuarsi sul  conto  corrente  postale  n.  00235440
intestato a: Universita' degli Studi di Ferrara  Servizio  tesoreria,
indicando come causale obbligatoria: Tassa di  concorso  Dirigente.
L'attestazione dell'avvenuto pagamento  (in  originale)  deve  essere
allegata alla domanda. 
    Al fine di consentire lo svolgimento  delle  prove  di  esame,  i
candidati portatori di handicap ai sensi della legge n. 104/92  nella
domanda di partecipazione al concorso dovranno specificare  l'ausilio
necessario in relazione  al  proprio  handicap,  nonche'  l'eventuale
necessita' di tempi aggiuntivi. 
    I candidati cittadini  degli  Stati  membri  dell'Unione  Europea
debbono dichiarare altresi' di godere dei diritti civili  e  politici
anche negli Stati di appartenenza o di provenienza  ovvero  i  motivi
del mancato godimento; dovranno, altresi', specificare se  il  titolo
di studio, qualora  conseguito  all'estero,  sia  stato  riconosciuto
equipollente a quello italiano richiesto. 
    L'Amministrazione  non  assume  alcuna  responsabilita'  per   la
dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatta  indicazione  del
recapito da  parte  del  concorrente  oppure  da  mancata  o  tardiva
comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella  domanda,
ne'  per  eventuali  disguidi  postali  o  telegrafici   o   comunque
imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore. 
    Non  verranno  prese  in  considerazione  le  domande   che   non
perverranno nel termine stabilito dal bando. 
                               Art. 4 
 
 
                       Esclusione del concorso 
 
 
    I candidati sono ammessi con riserva al concorso. 
    L'esclusione per difetto  dei  requisiti  e'  disposta  con  nota
motivata del Direttore generale. 
                               Art. 5 
 
 
                      Commissione giudicatrice 
 
 
    La Commissione  Giudicatrice  del  concorso  sara'  nominata  con
provvedimento del Direttore Generale secondo  quanto  disposto  dalla
legislazione vigente. 
                               Art. 6 
 
 
                           Prove di esame 
 
 
    L'esame consistera' in due prove scritte ed in una prova orale. 
    La prima prova scritta, a contenuto  teorico,  consistera'  nella
predisposizione di un elaborato  volto  ad  accertare  le  conoscenze
delle tematiche  richieste  per  l'esercizio  del  ruolo  e  indicate
all'art. 1. 
    La  seconda   prova   scritta,   a   contenuto   teorico-pratico,
consistera' nella risoluzione di un caso e sara' diretta ad accertare
l'attitudine dei candidati alla soluzione corretta, sotto il  profilo
della  legittimita',   della   economicita',   della   efficienza   e
dell'efficacia  e  sotto  il  profilo  organizzativo-gestionale,   di
questioni  connesse  alla  gestione  dell'Area  economico-finanziaria
dell'Ateneo. 
    La prova orale  consistera'  in  un  colloquio  interdisciplinare
sulle materie oggetto delle prove  scritte  e  mirera'  ad  accertare
oltre alle conoscenze e competenze tecniche necessarie  all'attivita'
richiesta, le qualita' attitudinali ad  elevato  impatto  manageriale
quali: motivazione, attitudine all'innovazione e consuetudine all'uso
di avanzati strumenti manageriali, tensione al risultato, apertura al
cambiamento,  capacita'  di  affrontare  e   risolvere   problemi   e
situazioni complesse,  capacita'  relazionali  e  di  gestione  delle
risorse umane. 
    Nel corso del colloquio verranno altresi' accertate la conoscenza
della lingua inglese e delle applicazioni informatiche piu' diffuse. 
    La data ed il luogo di svolgimento delle  prove  scritte  saranno
comunicati ai candidati mediante raccomandata a.r., non  meno  di  15
giorni prima della  data  fissata  per  l'effettuazione  delle  prove
stesse. 
    Conseguono l'ammissione alla prova orale i candidati che  abbiano
riportato in ciascuna prova scritta  un  punteggio  non  inferiore  a
14/20. 
    L'avviso per la presentazione alla  prova  orale  sara'  dato  ai
singoli candidati almeno 20  giorni  prima  di  quello  in  cui  essi
debbono sostenerlo mediante raccomandata a.r.. Ai medesimi sara' data
contemporaneamente comunicazione del voto riportato nelle  prime  due
prove. 
    La prova orale si svolgera' in un'aula  aperta  al  pubblico,  di
capienza idonea ad assicurare la massima partecipazione. 
    Al  termine  di  ogni  seduta  dedicata  alla  prova   orale   la
commissione forma l'elenco dei candidati esaminati, con l'indicazione
del voto da ciascuno riportato; tale elenco verra'  affisso  all'albo
della sede ove si svolgeranno gli esami. 
    La prova orale si  intendera'  superata  con  una  votazione  non
inferiore a 14/20. 
    Per essere ammessi a  sostenere  le  prove  d'esame  i  candidati
dovranno essere muniti di un documento di riconoscimento in corso  di
validita'. 
                               Art. 7 
 
 
                 Preferenza a parita' di valutazione 
 
 
    Questa Amministrazione  provvedera'  a  comunicare  ai  candidati
eventuali situazioni di parita' di valutazione. 
    In tal caso i candidati interessati dovranno  far  pervenire,  al
Rettore dell'Universita' degli Studi di Ferrara, Via Savonarola n.  9
- 44121 Ferrara, entro  il  termine  perentorio  di  quindici  giorni
successivi al ricevimento della suddetta comunicazione,  i  documenti
in carta semplice  attestanti  l'eventuale  possesso  dei  titoli  di
preferenza previsti dall'art. 5 del D.P.R. 9 Maggio 1994, n. 487.  Da
tali documenti dovra' risultare che i requisiti erano posseduti  alla
data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda
di ammissione al concorso. 
                               Art. 8 
 
 
            Formazione ed approvazione della graduatoria 
 
 
    Il punteggio complessivo e' dato dalla somma dei  voti  riportati
nelle singole prove d'esame. 
    La  graduatoria  definitiva  dei  candidati  e'  formata  secondo
l'ordine decrescente dei punti della votazione complessiva  riportata
da ciascun candidato, con l'osservanza  delle  riserve  previste  dal
precedente art. 1 e, in caso di parita' di merito,  delle  preferenze
previste dall'art. 5 del D.P.R. 487/94. 
    Sono dichiarati vincitori del  concorso,  i  candidati  utilmente
collocati  nella  graduatoria  di  merito  nei   limiti   dei   posti
complessivamente messi a concorso. 
    La graduatoria di merito, unitamente a quella dei  vincitori,  e'
approvata con ordinanza del Direttore Generale ed  e'  immediatamente
efficace. Detta ordinanza sara' pubblicata nell'Albo dell'Universita'
degli studi di Ferrara e nel sito Web: http://www.unife.it/concorsi. 
    Di tale pubblicazione sara' data notizia  mediante  avviso  nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica. 
    La graduatoria rimarra' efficace per un termine di trentasei mesi
dalla data di pubblicazione sopraindicata. 
    Non si da' luogo a dichiarazioni di idoneita' al concorso. 
                               Art. 9 
 
 
                       Assunzione in servizio 
 
 
    Il candidato dichiarato vincitore sara' invitato a  stipulare  un
contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato nella qualifica
di Dirigente di II fascia, conformemente a quanto previsto  dal  CCNL
vigente dell'Area VII della Dirigenza delle Universita', con  diritto
al trattamento economico previsto per i dirigenti di  seconda  fascia
dal medesimo CCNL, agli assegni  ed  alle  indennita'  spettanti  per
legge. 
    Ai  fini  dell'accertamento  dei   requisiti   per   l'ammissione
all'impiego di cui al  presente  bando,  il  candidato  stesso  sara'
invitato a presentare a questa Universita',  entro  30  giorni  dalla
stipulazione   del   contratto   di   lavoro   individuale,    idonea
documentazione. 
    Scaduto inutilmente il termine  sopracitato,  e  fatta  salva  la
possibilita' di una sua proroga  a  richiesta  dell'interessato,  nel
caso  di  comprovato  impedimento,   si   provvedera'   all'immediata
risoluzione del rapporto. Comporta altresi'  l'immediata  risoluzione
dal rapporto di lavoro la mancata assunzione in servizio nel  termine
assegnato, salvo comprovati e giustificati motivi di impedimento.  In
tale caso l'Amministrazione, valutati i motivi,  proroga  il  termine
per l'assunzione, compatibilmente con le esigenze di servizio. 
    L'assunzione in servizio e' comunque  subordinata  all'esistenza,
al  momento,  dell'apposita  copertura   finanziaria   nel   bilancio
d'Ateneo. 
                               Art. 10 
 
 
                    Responsabile del procedimento 
 
 
    Ai sensi di quanto disposto dall'art.  5  della  legge  7  agosto
1990, n. 241 il responsabile del procedimento concorsuale di  cui  al
presente bando e' la Dott.ssa Daniela  Toselli  -  Universita'  degli
studi di Ferrara, Ufficio Selezione  Personale,  Via  Ariosto,  35  -
44121 Ferrara - Tel. 0532/293344 -293336 -293343  -  Fax  0532/293337
-E-mail concorsi@unife.it. 
                               Art. 11 
 
 
                     Norme finali e transitorie 
 
 
    Per quanto non previsto dal presente  bando  valgono,  sempreche'
applicabili, le disposizioni in  materia  di  accesso  agli  impieghi
nella Pubblica Amministrazione. 
    I dati personali  trasmessi  dai  candidati  con  le  domande  di
partecipazione al concorso,  ai  sensi  del  decreto  legislativo  n.
196/2003  saranno  trattati  per  le  finalita'  di  gestione   della
procedura concorsuale e dell'eventuale procedimento di assunzione  in
servizio. 
    Avverso tutti gli  atti  inerenti  la  procedura  concorsuale  e'
possibile   proporre   ricorso   entro   60   giorni   al   Tribunale
Amministrativo Regionale per  l'Emilia-Romagna -  Sede  di  Bologna -
Strada  Maggiore,  53  40125  Bologna  -  tel.  051-340449,   telefax
051-341501 ovvero, entro 120 giorni, al Presidente della Repubblica. 
      Ferrara, 20 agosto 2014 
 
                                      Il direttore generale: Polastri