Concorso per 1 direttore (trentino alto adige) PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 1
Fonte: DIR N. 8 del 02-02-2015
Sintesi: PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Concorso (Scad. 4 marzo 2015) Bando di concorso per la nomina a direttrice o direttore del Circolo didattico scuola materna "Bressanone" presso il Dipartimento istruzione e ...
Ente: PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO
Regione: TRENTINO ALTO ADIGE
Provincia: BOLZANO
Comune: BOLZANO
Data di pubblicazione 03-02-2015
Data Scadenza bando 04-03-2015
Condividi

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

Concorso (Scad. 4 marzo 2015)

Bando di concorso per la nomina a direttrice o direttore del Circolo didattico scuola materna "Bressanone" presso il Dipartimento istruzione e formazione tedesca


Art. 1
Oggetto della selezione
1. E’ indetto un concorso per la nomina a direttrice o direttore del Circolo didattico scuola materna “Bressanone” presso il Dipartimento istruzione e formazione tedesca. (legge provinciale n. 10 del 23 aprile 1992 e legge provinciale n. 36 del 17 agosto 1976, art. 28 e successive modifiche).
2. Il posto è riservato ad una/un appartenente del gruppo linguistico tedesco.
Art. 2
Alla direttrice o al direttore vengono richieste le seguenti capacità ed attitudini:
a) competenza professionale:
- Statuto di Autonomia e competenze della Provincia Autonoma di Bolzano in ambito scolastico;
- obiettivi educativo-formativi ed ordinamento della scuola dell’infanzia e della scuola primaria;
- indicazioni provinciali per la scuola dell’infanzia in lingua tedesca;
- pedagogia della prima infanzia e fondamenti pedagogici della scuola dell’infanzia;
- processi educativo-formativi ed aspetti metodologico-didattici nella scuola dell’infanzia;
- psicologia evolutiva in età infantile;
- inclusione – obiettivi e strategie;
- processi di innovazione nel sistema scolastico in Provincia di Bolzano, in Italia e nei paesi d’Europa;
- valutazione e standard di qualità;
- ordinamento della struttura dirigenziale e del personale dell’Amministrazione provinciale, con particolare riguardo al Dipartimento istruzione e formazione tedesca e delle scuole dell’infanzia;
- procedimenti amministrativi; accesso agli atti e protezione dei dati personali;
- contabilità e bilancio; finanziamento nelle scuola dell’infanzia e nell’ambito scolastico;
- conoscenze in campo informatico;
- padronanza della lingua tedesca e italiana che consenta una trattazione fluida degli affari in ciascuna delle due lingue.
b) competenza metodica:
- Elaborazione del progetto educativo-formativo del circolo e della programmazione delle attività formative delle scuole dell’infanzia;
- programmazione ed organizzazione dell’aggiornamento a livello di circolo;
- colloqui per la definizione degli obiettivi annuali;
- gestione dei tempi e delle priorità;
- sviluppo e gestione del lavoro in team;
- lavoro in rete;
- gestione dei conflitti/problem solving; mediazione;
- project-management;
- moderazione, tecniche di contrattazione e presentazione.
c) competenza personale e sociale:
- gestione del personale;
- spirito decisionale, iniziativa e creatività;
- flessibilità e spirito innovativo;
- capacità di comunicazione;
- capacità di gestire situazioni di stress;
- empatia;
- automotivazione e motivazione dei collaboratori e delle collaboratrici;
- orientamento a risultato;
- capacità di gestione dei costi.
Art. 3
Termine per la presentazione delle domande di ammissione
1. La domanda di ammissione alla selezione deve essere redatta in conformità ai moduli allegati al presente bando. La domanda va presentata entro trenta giorni dal giorno della pubblicazione del bando nel Bollettino Ufficiale della Regione alla Provincia autonoma di Bolzano, Ufficio organizzazione, Piazza Silvius Magnago 1, 39100 Bolzano. Le domande devono pervenire all’Ufficio organizzazione entro le ore 24:00 del giorno di scadenza indicato.
2. Si considerano presentate in tempo utile esclusivamente le domande inviate tramite posta elettronica entro il termine di cui al comma 1.
E-mail: organizzazione@provincia.bz.it o
Pec: organisation.organizzazione@pec.prov.bz.it
Art. 4
Requisiti di ammissione alla selezione
1. Alla selezione sono ammessi: insegnanti delle scuole dell’infanzia e docenti di scuola di istruzione primaria o secondaria, in possesso di un diploma di laurea in scienze della formazione primaria, indirizzo scuola dell’infanzia o di un diploma di laurea conseguito secondo il vecchio ordinamento in pedagogia o psicologia ovvero della rispettiva laurea specialistica/magistrale, con un’anzianità di servizio di almeno quattro anni e in possesso dell’attestato di bilinguismo “A”.
2. I requisiti devono essere posseduti alla data della scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di ammissione alla selezione.
3. I provvedimenti relativi all’ammissione o all’esclusione dalla selezione vengono adottati dalla commissione e sono definitivi.
Art. 5
Preselezione
1. Le candidate/i candidati ammesse/ammessi alla selezione sono sottoposti ad una preselezione consistente in una prova scritta che verte sulle competenze indicate all’art. 2.
2. La prova scritta di cui al comma 1 può vertere su più argomenti o compiti anche di contenuto pratico.
3. La durata della prova scritta è determinata dalla Commissione in non meno di due e non più di quattro ore.
4. Tra l’invito scritto alla prova d’esame e la data della medesima deve intercorrere un periodo non inferiore a quindici giorni. L’invito avviene mediante consegna nelle mani proprie del destinatario, risultante da dichiarazione dello stesso o tramite invio alla casella di posta elettronica indicata dalla/dal richiedente all’atto della presentazione della domanda.
5. L’assenza dalla selezione di cui all’articolo 6 comporta l’esclusione dalla selezione, quale ne sia la causa.
6. Per essere ammessi all’esame scritto le/i candidate/candidati dovranno presentarsi muniti di un valido documento di riconoscimento.
7. Alla fine della preselezione viene formata la graduatoria sulla base del punteggio ottenuto nella prova scritta. Sono esclusi dalla selezione finale le candidate/i candidati che non abbiano riportato nella prova scritta una votazione di almeno 7/10.
8. Per quanto non diversamente disciplinato dal presente articolo trovano applicazione le disposizioni vigenti in materia di pubblici concorsi per l’assunzione nell’impiego provinciale.
Art. 6
Selezione
1. La selezione finale consiste in un esame orale, articolato in una o più esercitazioni e colloqui, eventualmente integrati con elementi scritti, al fine di valutare le conoscenze e capacità della candidata/del candidato richieste all’articolo 2 del presente bando. L’esame può essere svolto, in tutto o in parte, nelle seguenti forme:
a) conferenza orale;
b) trattazione di casi esemplificativi;
c) colloquio;
d) gioco di ruolo.
2. Al termine della procedura di selezione finale la commissione individua la vincitrice o il vincitore della selezione.
Art. 7
Commissione di selezione
1. La commissione di selezione viene nominata dal Direttore Generale. La sua composizione è disciplinata dall’articolo 17, comma 4, della l.p. del 23 aprile 1992, n. 10 e successive modifiche.
2. La commissione è competente per l’adozione di tutti i provvedimenti connessi con la procedura di preselezione e selezione previsti. I provvedimenti della commissione sono definitivi.
Contro di essi è possibile ricorrere all’autorità giudiziaria competente.
Art. 8
Nomina
1. Espletate le procedure di selezione la commissione rimette gli atti alla Ripartizione 4 – Personale che avvia il procedimento per la nomina a direttore/direttrice. La vincitrice/il vincitore viene nominata/nominato direttrice/ direttore del posto messo a concorso con decreto del Presidente della Provincia.
2. La candidata/il candidato nominata/nominato direttrice/direttore assume le relative funzioni appena il rispettivo decreto diventi esecutivo.
Art.9
Indennità di funzione
1. L’indennità di funzione viene determinata con il coefficiente 1,10.