Nomina UNIVERSITA' DI BARI Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 62 del 05-08-2016

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Nomina

Nota Bene: trattandosi di 'Nomina' la scadenza indicata non implica, in genere, la possibilità di presentare domanda ma solo la data fino alla quale questo testo sarà visibile nella banca dati.



Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Nomina
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 62 del 05-08-2016
Sintesi: UNIVERSITA' ALDO MORO DI BARI Nomina Nomina di un componente della commissione giudicatrice per la valutazione comparativa ad un posto di ricercatore universitario presso il Dipartimento di medicina ...
Ente: UNIVERSITA' DI BARI
Regione: PUGLIA
Provincia: BARI
Comune: BARI
Data di pubblicazione 05-08-2016
Condividi

UNIVERSITA' ALDO MORO DI BARI

Nomina

Nomina di un componente della commissione giudicatrice per la valutazione comparativa ad un posto di ricercatore universitario presso il Dipartimento di medicina veterinaria.

 
                             IL RETTORE 
 
    Vista la legge 3 luglio 1998, n. 210; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23  marzo  2000,
n. 117; 
    Visto il D.R. n. 12029 del 10 dicembre 2009,  il  cui  avviso  e'
stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica - 4ª serie
speciale «Concorsi ed esami» - n. 98 del 22  dicembre  2009,  con  il
quale e' stata indetta la procedura di valutazione comparativa per la
copertura di n. 33 posti di ricercatore universitario  presso  questa
Universita', di cui n. 1 posto assegnato alla  facolta'  di  medicina
veterinaria per  il   settore   scientifico-disciplinare   VET/04   -
Ispezione degli alimenti di origine animale; 
    Visto il D.R. n. 4730 del 14 luglio  2011,  con  cui  sono  stati
approvati gli atti della suddetta procedura ed  e'  stata  dichiarata
vincitrice la dott.ssa Bonerba Elisabetta; 
    Vista  la  sentenza  n.  2085/2012  con  la  quale  il  Tribunale
amministrativo regionale Puglia - sede di Bari - nel pronunciarsi sul
ricorso presentato dalla dott.ssa Quaglia ha tra  l'altro,  annullato
il decreto di approvazione degli atti della procedura di cui trattasi
(D.R. n. 4730/2011) disponendo il rinnovo della procedura concorsuale
a  partire  dalla  valutazione  dei  titoli  e  pubblicazioni   delle
candidate Quaglia e Bonerba con la nomina di una nuova commissione; 
    Vista la sentenza n. 3550/2015 con cui il Consiglio di  Stato  ha
rigettato  l'appello  proposto  dalla  dott.ssa  Bonerba  avverso  la
sentenza resa dal Tribunale amministrativo regionale Puglia - Bari n.
2085 del 6 dicembre 2012 e pertanto di  dover  dare  esecuzione  alla
sentenza del Tribunale amministrativo regionale Puglia; 
    Visto il D.R. n. 3441 del 19 ottobre 2015,  con  cui  sono  stati
annullati gli atti relativi alla valutazione comparativa citata; 
    Ritenuto opportuno che la nuova valutazione sia affidata  ad  una
commissione  avente  diversa  composizione,  onde  garantire  che  la
rinnovata  istruttoria  si  svolga   al   di   fuori   di   qualunque
condizionamento; 
    Visto il D.R. n. 4370 del  28  dicembre  2015,  pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica - 4ª serie speciale «Concorsi  ed
esami» - n. 06 del 22 gennaio 2016 con cui  e'  stata  costituita  la
nuova Commissione  giudicatrice  per  la  succitata  valutazione  che
risulta composta dai Prof.ri Gianfaldoni Daniela -  ordinario  presso
il Dipartimento di scienze veterinarie dell'Universita'  degli  studi
di Pisa, prof. Brindani Franco - ordinario presso il Dipartimento  di
scienze medico-veterinarie dell'Universita' di Parma e  Prof.  Celano
Gaetano  Vitale  -  ordinario  presso  il  Dipartimento  di  medicina
veterinaria dell'Universita' degli studi di Bari; 
    Visti  i  verbali  redatti  dalla  suddetta  Commissione,  ed  in
particolare il verbale n. 3 in data  8  giugno  2016,  dal  quale  si
evince che il prof. Celano ha rassegnato le proprie dimissioni; 
    Visto il D.R. n. 1752 del  9  giugno  2016  con  cui  sono  state
accolte le dimissioni del prof. Celano Gaetano Vitale; 
    Vista la delibera  con  cui  il  Consiglio  del  Dipartimento  di
medicina veterinaria nella seduta del 14 giugno 2016, in applicazione
di quanto previsto dall'art.  3  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica 23 marzo 2000, n.  117,  ha  designato  il  prof.  Aniello
Anastasio, ordinario di ispezione degli alimenti di  origine  animale
presso il Dipartimento di Medicina veterinaria e  produzioni  animali
dell'Universita' degli studi di Napoli «Federico II», componente  per
la  succitata  valutazione   comparativa,   in   rappresentanza   dei
professori ordinari; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
    Per le motivazioni addotte nelle  premesse,  il  prof.  Anastasio
Aniello, ordinario presso il Dipartimento di medicina  veterinaria  e
produzioni animali dell'Universita' degli studi di  Napoli  «Federico
II», e' nominato componente della  commissione  giudicatrice  per  la
valutazione comparativa a n. 1  posto  di  ricercatore  universitario
presso il Dipartimento di medicina veterinaria di questa  Universita'
in sostituzione del prof. Celano Gaetano Vitale, dimissionario. 
    Pertanto la commissione giudicatrice per la succitata valutazione
comparativa e' parzialmente modificata come di seguito indicato: 
      Componente designato al Consiglio di dipartimento: 
        prof. Anastasio Aniello - ordinario presso il Dipartimento di
medicina veterinaria  e  produzioni  animali  dell'Universita'  degli
studi di Napoli «Federico II». 
      Componenti eletti: 
        prof.ssa  Gianfaldoni   Daniela   -   ordinario   presso   il
Dipartimento di scienze veterinarie dell'Universita' degli  studi  di
Pisa. 
        prof. Brindani Franco  -  ordinario  presso  il  Dipartimento
scienze medico-veterinarie dell'Universita' degli studi di Parma. 
                               Art. 2 
 
    Ai sensi del comma 16 dell'art. 3 del  decreto  Presidente  della
Repubblica n. 117/2000, dalla data di  pubblicazione  nella  Gazzetta
Ufficiale del presente decreto rettorale di nomina della  Commissione
giudicatrice decorrono i trenta  giorni,  previsti  dall'art.  9  del
decreto-legge 21 aprile 1995, n. 120, convertito, con  modificazioni,
dalla legge 21 giugno 1995, n. 236, per la presentazione al  Rettore,
da parte dei candidati, di eventuali istanze di ricusazione del nuovo
commissario. Decorso tale termine e,  comunque,  dopo  l'insediamento
della  Commissione  non  sono  ammesse  istanze  di  ricusazione  nei
confronti del predetto Commissario. 
      Bari, 5 luglio 2016 
 
                                                 Il Rettore: Uricchio