Concorso COMUNE DI VIGEVANO Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 63 del 09-08-2019

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 63 del 09-08-2019
Sintesi: COMUNE DI VIGEVANOConcorso (Scad. 12 settembre 2019)Selezione pubblica, per soli esami, per la copertura di un posto di specialista in attivita' educative e culturali, categoria D, a tempo indeterminato e pieno. Il Comune di ...
Ente: COMUNE DI VIGEVANO
Regione: LOMBARDIA
Provincia: PAVIA
Comune: VIGEVANO
Data di pubblicazione 10-08-2019
Data Scadenza bando 12-09-2019
Condividi

COMUNE DI VIGEVANO

Concorso (Scad. 12 settembre 2019)

Selezione pubblica, per soli esami, per la copertura di un posto di specialista in attivita' educative e culturali, categoria D, a tempo indeterminato e pieno.

 
    Il Comune di Vigevano intende procedere alla selezione  pubblica,
per soli esami, per la copertura di un posto, a tempo indeterminato e
pieno,  del  profilo  professionale  di  specialista   in   attivita'
educative e culturali, categoria D. 
    Per la partecipazione alla procedura e' richiesto il possesso dei
seguenti requisiti: 
      essere cittadino italiano (sono  equiparati  gli  italiani  non
appartenenti alla Repubblica) ovvero essere cittadino  di  uno  degli
Stati membri dell'Unione europea ovvero essere familiare di cittadino
di  uno  degli  Stati  membri  dell'Unione  europea  non  avente   la
cittadinanza di uno Stato membro, purche'  titolare  del  diritto  di
soggiorno o del diritto di soggiorno permanente; essere cittadino  di
Paesi  terzi  (extracomunitari)  purche'  titolare  del  permesso  di
soggiorno UE per soggiornanti  di  lungo  periodo  o  titolare  dello
status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria.  I
cittadini dell'Unione europea e di Paesi terzi devono peraltro godere
dei diritti civili e  politici  negli  Stati  di  appartenenza  o  di
provenienza, avere adeguata conoscenza della lingua italiana,  essere
in possesso, fatta eccezione  della  titolarita'  della  cittadinanza
italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della
Repubblica; 
      eta' non inferiore agli anni diciotto; 
      godimento dei diritti civili e politici; 
      assenza di condanne penali e/o procedimenti penali in corso che
possano  impedire,  secondo  le  norme  vigenti,  l'instaurarsi   del
rapporto di impiego; 
      non essere stati esclusi  dall'elettorato  attivo,  ne'  essere
stati licenziati per  persistente  insufficiente  rendimento  da  una
pubblica amministrazione, ovvero per aver conseguito l'impiego stesso
attraverso dichiarazioni mendaci o produzione di  documenti  falsi  o
viziati da invalidita' non sanabile; 
      non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale,  ai
sensi dell'art. 127, primo comma, lettera d) del  testo  unico  delle
disposizioni concernenti lo  statuto  degli  impiegati  civili  dello
Stato, approvato con  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  10
gennaio 1957, n. 3; 
      idoneita'   psico-fisica    per    l'impiego    da    ricoprire
(l'accertamento dell'idoneita' fisica  all'impiego  con  l'osservanza
delle norme in tema  di  sicurezza  sul  lavoro  di  cui  al  decreto
legislativo n. 81/2008 e di quelle per le categorie  protette  verra'
effettuata prima dell'immissione in servizio). 
    Possesso di uno dei seguenti titoli di studio (o titolo di studio
equipollente o equiparato): 
      a) diploma di laurea  (vecchio  ordinamento)  delle  classi  di
laurea in storia, beni  culturali,  lettere,  lingue,  comunicazione,
pedagogia,  discipline  delle  arti,  musica   e   spettacolo   moda,
sociologia, turismo, e lauree specialistiche e magistrali equiparate; 
      b) diploma di laurea triennale o di primo livello ai sensi  del
decreto interministeriale 9 luglio 2009 equiparazione tra  le  classi
delle lauree decreto ministeriale n. 509/1999 e classi  delle  lauree
decreto ministeriale n. 270/2004  ai  fini  della  partecipazione  ai
pubblici concorsi (nuovo  ordinamento),  appartenente  alle  seguenti
classi: 
      lettere (classe di laurea L - 10 di cui al decreto ministeriale
n. 270/04 classe di laurea 05  di  cui  al  decreto  ministeriale  n.
509/1999); 
      lingue e culture moderne, (classe di laurea L - 11  di  cui  al
decreto ministeriale n. 270/04 classe di laurea 11 di cui al  decreto
ministeriale n. 509/1999); 
      scienze dei beni culturali (classe  di  laurea  13  di  cui  al
decreto ministeriale n. 509/1999); 
      beni culturali (classe di laurea  L  -  1  di  cui  al  decreto
ministeriale n. 270/04); 
      scienze della comunicazione (classe di  laurea  14  di  cui  al
decreto ministeriale n. 509/1999 classe di laurea L - 20  di  cui  al
decreto ministeriale n. 270/04); 
      scienze dell'educazione e della formazione (classe di laurea 18
di cui al decreto ministeriale n. 509/1999 classe di laurea L - 18 di
cui al decreto ministeriale n. 270/04); 
      scienze e tecnologie delle arti figurative, della musica, dello
spettacolo e della moda (classe  di  laurea  23  di  cui  al  decreto
ministeriale n. 509/1999); 
      discipline delle arti figurative della musica dello  spettacolo
e della moda (classe di laurea L - 3 di cui al  decreto  ministeriale
n. 270/04); 
      scienze sociologiche (classe di laurea 36  di  cui  al  decreto
ministeriale n. 509/1999); 
      sociologia  (classe  di  laurea  L  -  40  di  cui  al  decreto
ministeriale n. 270/04); 
      scienze del turismo (classe di laurea  39  di  cui  al  decreto
ministeriale n. 509/1999 classe di laurea L - 15 di  cui  al  decreto
ministeriale n. 270/04); 
      oppure titoli di studio a questi equiparati o equipollenti. 
    La dimostrazione dell'equiparazione e' a cura  del  candidato  il
quale deve indicare nella domanda di partecipazione gli  estremi  del
provvedimento normativo di equiparazione. 
    Il titolo di  studio  dovra'  essere  rilasciato  da  Universita'
legalmente riconosciute dall'ordinamento  universitario  dello  Stato
italiano. 
    Per i candidati in possesso di un  titolo  di  studio  conseguito
all'estero, l'assunzione sara'  subordinata  al  rilascio,  da  parte
delle autorita' competenti, del  provvedimento  di  equivalenza,  del
titolo di  studio  posseduto,  al  titolo  di  studio  richiesto  dal
presente  bando,  cosi'  come  previsto  dall'art.  38  del   decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165. In tal  caso,  il  candidato  deve
espressamente dichiarare, nella propria domanda di partecipazione, di
aver avviato l'iter procedurale, per l'equivalenza del proprio titolo
di studio, previsto dalla richiamata normativa. 
    La domanda, contenente l'esatta indicazione della selezione  alla
quale si intende partecipare, deve  essere  trasmessa,  entro  il  12
settembre 2019, secondo una delle seguenti modalita': 
      spedita  al  seguente  indirizzo:  Comune  di  Vigevano,  corso
Vittorio  Emanuele  Secondo,  25  -  27029  Vigevano  (PV),  a  mezzo
raccomandata con avviso di ricevimento, recante sul retro della busta
l'indicazione Contiene domanda di partecipazione alla  procedura  di
selezione per la copertura di n. 1 posto nel profilo professionale di
specialista in attivita' educative e culturali categoria D; 
      consegnata direttamente all'ufficio protocollo di questo comune
- corso Vittorio Emanuele II, n. 25 - 27029 Vigevano (PV); 
      trasmessa  alla  casella  di  posta   elettronica   certificata
istituzionale del Comune di Vigevano protocollovigevano@pec.it 
    Per partecipare alla selezione i  candidati,  pena  l'esclusione,
entro il termine di presentazione delle domande, dovranno  effettuare
il pagamento della tassa di concorso di € 10,00, secondo le  seguenti
modalita': 
      a mezzo bonifico bancario, intestato  alla  Tesoreria  Comunale
Comune di Vigevano, Servizio Tesoreria -  Banca  UNICREDIT  S.p.A.  -
corso    Vittorio    Emanuele    Secondo,    39,    Vigevano     IBAN
IT69T0200823000000102955644.  Nella  causale  andra',  in  tal  caso,
obbligatoriamente indicato  il  proprio  codice  fiscale  e  l'esatta
denominazione della selezione; 
      a  mezzo  bollettino  di  c/c  postale  sul  conto  n  13548276
intestato a Comune di Vigevano - Servizio Tesoreria  indicando  nella
causale di versamento l'esatta denominazione della selezione; 
      in contanti  presso  la  Cassa  dell'economato  del  Comune  di
Vigevano, Corso Vittorio Emanuele Secondo, 25 - Vigevano o presso  la
Tesoreria Comunale: Banca Unicredit S.p.A. - corso Vittorio  Emanuele
Secondo, 39 - Vigevano. 
    Per  ulteriori  informazioni  chiamare   il   servizio   gestione
giuridica del personale, ai numeri 0381 299-208/297. 
    La copia integrale del bando ed il modulo  per  la  domanda  sono
disponibili sul sito internet del comune www.comune.vigevano.pv.it 
    Sede: Municipio - corso Vittorio Emanuele  Secondo,  25  -  27029
Vigevano (PV).