Rettifica-Revoca MINISTERO DELLA DIFESA Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 47 del 19-06-2020

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Rettifica-Revoca

Nota Bene: trattandosi di 'Rettifica-Revoca' la scadenza indicata non implica, in genere, la possibilità di presentare domanda ma solo la data fino alla quale questo testo sarà visibile nella banca dati.



Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Rettifica-Revoca
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 47 del 19-06-2020
Sintesi: MINISTERO DELLA DIFESARETTIFICA Modifica del bando del concorso per il reclutamento, per il 2020, di duemiladuecento volontari in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare. IL VICE DIRETTORE ...
Ente: MINISTERO DELLA DIFESA
Regione: VENETO
Provincia: VENEZIA
Comune: VENEZIA
Data di pubblicazione 19-06-2020
Condividi

MINISTERO DELLA DIFESA

RETTIFICA

Modifica del bando del concorso per il reclutamento, per il 2020, di duemiladuecento volontari in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare.

 
                     IL VICE DIRETTORE GENERALE 
                      per il personale militare 
 
                           di concerto con 
 
                     IL VICE COMANDANTE GENERALE 
                del Corpo delle capitanerie di porto 
 
    Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010,  n.  66,  concernente
«Codice  dell'ordinamento  militare»   e   successive   modifiche   e
integrazioni; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15  marzo  2010,
n. 90, recante  «Testo  unico  delle  disposizioni  regolamentari  in
materia  di  ordinamento   militare»   e   successive   modifiche   e
integrazioni; 
    Visto il decreto interdirigenziale n. 16 del  31  luglio  2019  e
successive  modifiche,  emanato  dalla  Direzione  generale  per   il
personale militare (DGPM) di concerto con  il  Comando  generale  del
Corpo delle capitanerie di porto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana - 4ª Serie speciale «Concorsi ed  esami»  -
n. 67 del 23 agosto 2019, con il quale e' stato indetto, per il 2020,
un bando  di  reclutamento  di  duemiladuecento  volontari  in  ferma
prefissata di un anno (VFP 1) nella Marina militare; 
    Visto l'e-mail del 25 febbraio 2020, dello Stato  maggiore  della
Marina, con la e'  stato  chiesto  di  modificare,  nei  termini  ivi
indicati, il bando di reclutamento; 
    Ritenute condivisibili le proposte  di  modifica  avanzate  dallo
Stato maggiore della Marina; 
    Tenuto  conto  che  l'art.  1,  comma  6   del   citato   decreto
interdirigenziale n. 16 del 31 luglio 2019 prevede la possibilita' di
apportare modifiche al bando di reclutamento; 
    Visto il decreto del Ministro della  difesa  16  gennaio  2013  -
registrato alla Corte dei conti il 1°  marzo  2013,  registro  n.  1,
foglio n. 390 - concernente,  tra  l'altro,  struttura  ordinativa  e
competenze della DGPM; 
    Visto l'art. 1 del  decreto  dirigenziale  n.  1279/2019  del  26
novembre  2019  emanato  dal  Comando  generale   del   Corpo   delle
capitanerie di porto, con cui all'Ammiraglio Ispettore  (CP)  Antonio
Basile, quale vice comandante generale del Corpo delle capitanerie di
porto, e' stata conferita la delega  all'adozione,  di  concerto  con
autorita' di  pari  rango  della  DGPM  e  nei  casi  previsti  dalla
normativa vigente, di  taluni  atti  di  gestione  amministrativa  in
materia di  reclutamento  del  personale  militare  del  Corpo  delle
capitanerie di porto; 
    Visti gli  articoli  1  e  2  del  decreto  dirigenziale  n.  VDG
EI/2020/318 del 20 febbraio 2020 emanato dalla DGPM con cui, al  vice
direttore della DGPM Generale di brigata Lorenzo Santella,  e'  stata
conferita la delega all'adozione, anche di concerto con autorita'  di
pari rango del Corpo delle capitanerie di porto, di  taluni  atti  di
gestione amministrativa in  materia  di  reclutamento  del  personale
delle Forze armate e dell'Arma dei carabinieri; 
 
                              Decreta: 
 
    L'art. 14, comma 4 del decreto interdirigenziale  n.  16  del  31
luglio 2019, e' cosi' sostituito: 
      «1. I candidati per i settori  d'impiego  di  cui  all'art.  1,
comma 3, lettere b), c), d), e) e f),  giudicati  idonei  al  termine
degli accertamenti psico-fisici e attitudinali di cui  ai  precedenti
articoli 10, 11 e 12 e anche alle prove di efficienza fisica  di  cui
al  precedente  art.  13,  saranno   sottoposti   agli   accertamenti
psico-fisici per la verifica del possesso degli  specifici  requisiti
di idoneita' psico-fisica occorrenti per l'assegnazione  ai  relativi
settori d'impiego delle Forze speciali e  componenti  specialistiche,
previsti dalla vigente pubblicazione SMM/IS/150 dello Stato  maggiore
della Marina e dal decreto del Ministro  della  difesa  16  settembre
2003, citati nelle premesse. 
      2. I predetti  candidati  saranno  convocati  presso  gli  enti
appresso specificati, secondo le  modalita'  indicate  da  Mariscuola
Taranto: 
        i primi duecento candidati per  il  settore  d'impiego  "CEMM
anfibi", presso l'infermeria presidiaria  della  Marina  militare  di
Taranto, per la verifica del possesso dell'idoneita' di anfibio; 
        i primi sessanta candidati per  il  settore  d'impiego  "CEMM
sommergibilisti",  presso  l'infermeria  presidiaria   della   Marina
militare di Taranto, per la verifica del possesso  dell'idoneita'  di
sommergibilista; 
        i primi novanta candidati  per  il  settore  d'impiego  "CEMM
incursori" e i primi sessanta  candidati  per  il  settore  d'impiego
"CEMM palombari", presso  COMSUBIN,  per  la  verifica  del  possesso
dell'idoneita', rispettivamente, di incursore e di palombaro; 
        i  primi  ottanta  candidati   per   il   settore   d'impiego
"Componente aeromobili", presso l'Istituto di  medicina  aerospaziale
dell'Aeronautica   militare,   per   la   verifica    del    possesso
dell'idoneita' ai servizi di navigazione aerea. 
      I suddetti enti di cui ai primi 3 alinea si  potranno  avvalere
delle strutture sanitarie della Marina  militare  giurisdizionalmente
competenti   per   l'effettuazione   dei   prescritti    accertamenti
specialistici. 
      3. In caso di prevedibile o  effettiva  mancata  copertura  dei
posti  disponibili  derivante  da  inidoneita'   o   rinuncia   degli
arruolandi di cui al precedente comma 2,  su  richiesta  dello  Stato
maggiore della Marina, la DGPM potra' autorizzare Mariscuola  Taranto
a  convocare  un  ulteriore  numero  di  candidati,  compresi   nelle
rispettive    graduatorie,    per    l'accertamento    dell'idoneita'
psico-fisica specifica per il settore d'impiego  richiesto,  fino  al
raggiungimento di un congruo numero di  idonei  per  ciascun  settore
d'impiego. 
      4.   I   candidati   devono   presentarsi   agli   accertamenti
psico-fisici di cui  al  presente  articolo,  muniti  della  seguente
documentazione, pena l'esclusione dal reclutamento per  il  richiesto
settore d'impiego delle Forze speciali e componenti specialistiche: 
        a) documento di riconoscimento in corso di validita'; 
        b) esami e referti di cui al precedente  art.  10,  comma  7,
lettera b), validi alla data di prima presentazione agli accertamenti
psico-fisici; 
        c) foglio di notifica, contenente il  giudizio  di  idoneita'
agli accertamenti psico-fisici quale VFP 1 della Marina militare,  di
cui all'art. 10, comma 8; 
        d) originale o copia conforme del  referto  e  del  tracciato
elettroencefalografico, eseguito presso struttura sanitaria pubblica,
anche militare,  o  privata  accreditata  con  il  SSN  in  data  non
anteriore  a  tre  mesi  rispetto  a  quella  di  presentazione  agli
accertamenti psico-fisici: 
          velocita' di scorrimento 30 millimetri/secondo; 
          costante di tempo 0,3 microvolts/secondo; 
          filtro 70 hertz piu' filtro di rete; 
          prove di attivazione complete (SLI - iperpnea); 
          tracciato da  effettuare  sulle  longitudinali  (esterne  -
interne) e sulle trasversali (anteriori - posteriori). 
          Il  referto  dovra'  documentare  l'assenza  dei   seguenti
elementi: 
          qualunque forma di parossismo; 
          ritmi theta/delta protratti e di ampio voltaggio; 
          onde lente di ampio voltaggio che si accentuano durante  le
prove di attivazione; 
          grafoelementi puntuti di ampio voltaggio. 
          Sara'  altresi'  ritenuta  valida,  in  alternativa,  copia
conforme del referto relativo agli  esami  effettuati,  nei  medesimi
limiti temporali di cui sopra, in occasione di un precedente concorso
presso una struttura sanitaria militare. 
          Se concorrente di sesso femminile, nuovo originale o  copia
conforme del referto del test di gravidanza - in quanto lo  stato  di
gravidanza  costituisce   temporaneo   impedimento   all'accertamento
dell'idoneita' al servizio militare (ai sensi dell'art. 580, comma  2
del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n.  90)  -
eseguito presso  struttura  sanitaria  pubblica,  anche  militare,  o
privata accreditata con il SSN in data non anteriore a cinque  giorni
rispetto a quella di  presentazione  agli  accertamenti  psico-fisici
specifici della terza fase. 
      5. I requisiti psico-fisici di idoneita' per l'assegnazione  ai
settori d'impiego delle Forze speciali  e  componenti  specialistiche
sono riportati al capitolo 5 della vigente  pubblicazione  SMM/IS/150
dello Stato maggiore della Marina. 
      I requisiti minimi del profilo sanitario sono i seguenti: 
        per il possesso dell'idoneita' di anfibio: 1AC-1AR; 
        per   il   possesso   dell'idoneita'   di    sommergibilista:
1AR-1AV/NR-1AV/OR-PS il soggetto non deve presentare note o  elementi
di riferimento dello spettro ansioso fobico che  possano  interferire
con l'assolvimento dei  compiti  previsti  nello  specifico  contesto
ambientale lavorativo; 
        per    il    possesso    dell'idoneita'     di     incursore:
1AC-1AR-1AV-1LS-1LI-1AU-VS naturale 10/10 in  ciascun  occhio;  campo
visivo,  motilita'  oculare,  senso  stereoscopico  normali;  annessi
oculari,  mezzi  diottrici  e  fondo  oculare  esenti  da   qualsiasi
malattia; senso cromatico normale alle tavole-1AU; 
        per    il    possesso    dell'idoneita'     di     palombaro:
1AR-1AV-1AC-1AU-VS uguale  o  superiore  a  complessivi  16/10  senza
correzioni e non inferiore a 7/10 nell'occhio che  vede  meno;  campo
visivo,  motilita'  oculare,  senso  stereoscopico  normali;  annessi
oculari,  mezzi  diottrici  e  fondo  oculare  esenti  da   qualsiasi
malattia; senso cromatico normale alle tavole. 
      Per   l'assegnazione   al   settore    d'impiego    "Componente
aeromobili", i candidati dovranno essere in  possesso  dell'idoneita'
ai servizi di navigazione aerea, da accertarsi ai sensi  del  decreto
del Ministro della difesa 16 settembre 2003, citato nelle premesse. 
      6. I predetti  enti  della  Marina  militare  e  l'Istituto  di
medicina   aerospaziale   dell'Aeronautica   militare    inoltreranno
immediatamente la pertinente documentazione alla commissione per  gli
accertamenti psico-fisici insediata presso la caserma  Castrogiovanni
di Taranto, che provvedera' a notificare al piu' presto l'esito degli
accertamenti psico-fisici, tramite  messaggio  di  posta  elettronica
(nei soli casi di idoneita') o di posta elettronica certificata -  se
resa disponibile dal candidato - ovvero, nei casi di  inidoneita',  a
mano o con raccomandata con avviso di ricevimento, riportando uno dei
seguenti giudizi: 
        "idoneo quale VFP 1 nella Marina militare" e "idoneo/inidoneo
a proseguire l'iter selettivo per il settore d'impiego xxx"; 
        "inidoneo quale VFP 1 nella Marina militare". 
      7. Il giudizio riportato negli accertamenti di cui al  presente
articolo e' definitivo. Pertanto, i concorrenti giudicati "inidonei a
proseguire l'iter selettivo per il  settore  d'impiego  xxx"  saranno
esclusi dall'iter selettivo per il richiesto settore d'impiego  delle
Forze speciali e componenti  specialistiche  e  proseguiranno  l'iter
concorsuale per il settore d'impiego "CEMM navale e CP". I  candidati
giudicati "inidonei  quali  VFP  1  nella  Marina  militare"  saranno
esclusi dal concorso. 
      8. I candidati giudicati  inidonei  potranno  avanzare  ricorso
giurisdizionale al Tribunale amministrativo regionale del Lazio o, in
alternativa, ricorso straordinario  al  Presidente  della  Repubblica
(per il quale e' dovuto - ai  sensi  della  normativa  vigente  -  il
contributo unificato di euro 650,00), rispettivamente entro  sessanta
e centoventi giorni dalla data di notifica del provvedimento  di  non
idoneita'.». 
    Il presente decreto sara' sottoposto al controllo ai sensi  della
normativa  vigente  e  pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale   della
Repubblica italiana. 
      Roma, 21 maggio 2020 
 
                                           Il vice direttore generale 
                                             del personale militare   
                                                    Santella          
    Il vice comandante generale 
del Corpo delle capitanerie di porto 
              Basile