Avviso PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 16 del 26-02-2021

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Avviso

Nota Bene: trattandosi di 'Avviso' la scadenza indicata non implica, in genere, la possibilità di presentare domanda ma solo la data fino alla quale questo testo sarà visibile nella banca dati.



Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Avviso
Posti 40
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 16 del 26-02-2021
Sintesi: PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRIAVVISO DI RETTIFICA Avviso di rettifica relativo al concorso, per titoli ed esami, a quaranta posti di referendario di Tribunale amministrativo regionale del ruolo della magistratura ...
Ente: PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 28-03-2021
Data Scadenza bando 28-03-2021
Condividi

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

AVVISO DI RETTIFICA

Avviso di rettifica relativo al concorso, per titoli ed esami, a quaranta posti di referendario di Tribunale amministrativo regionale del ruolo della magistratura amministrativa.

 
    Si comunica che, in relazione al bando di concorso, per titoli ed
esami, a quaranta posti di referendario di  Tribunale  amministrativo
regionale del ruolo  della  magistratura  amministrativa,  pubblicato
nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  italiana  -  4ª  Serie
speciale «Concorsi ed esami» - n. 14 del 19 febbraio 2021,  per  mero
errore materiale, l'allegato A posto a pagina 7, e' stato redatto  in
modo incompleto. 
    Pertanto, si ritiene sostituito integralmente dal seguente: 
 
                                                          «Allegato A 
 
                  Criteri di valutazione dei titoli 
 
    1. Ai  sensi  dell'art.  18  del  regolamento  n.  214/1973  ogni
commissario dispone di dieci punti per la valutazione  del  complesso
dei titoli. Il punteggio massimo conseguibile per i titoli e' pari  a
50. 
    2. La commissione assegna il punteggio per  i  titoli  secondo  i
seguenti criteri: 
      1) per l'anzianita' di servizio o di esercizio  delle  funzioni
di cui all'art. 14 della legge 6 dicembre 1971, n. 1034,  fino  a  12
(dodici) punti: 
        1.a) punti 4 (quattro)  per  ogni  anno  di  anzianita',  con
l'esclusione degli anni previsti  per  l'ammissione  al  concorso  ai
sensi del citato art. 14; 
        1.b) il servizio effettuato in regime di  tempo  parziale  va
valutato proporzionalmente all'orario svolto; 
        1.c) il periodo di servizio inferiore all'anno va valutato se
superiore a sei mesi; 
      2) per la qualita' delle funzioni, fino a 15 (quindici) punti: 
        2.a)  il  punteggio  e'  attribuito  per  anni  di  effettivo
servizio o di attivita', ovvero, nel caso di cui all'art. 14,  n.  7,
legge n. 1034/1971, per ciascun mandato  completato,  secondo  quanto
specificato nella tabella n. 1 allegata; 
        2.b)  sono  computati  tutti  gli  anni  di  servizio  per  i
dipendenti pubblici, di  esercizio  dell'attivita'  forense  per  gli
avvocati e delle funzioni per  i  consiglieri  regionali  o  di  ente
locale, compresi quelli richiesti per l'ammissione al concorso; 
        2.c) non si tiene conto degli anni di  servizio  o  attivita'
forense durante i quali e' stata irrogata una  sanzione  disciplinare
superiore alla sanzione disciplinare piu' lieve secondo l'ordinamento
di appartenenza, salvo che sia intervenuta la riabilitazione entro la
data di scadenza del bando; 
        2.d) si tiene conto di periodi di fuori ruolo  o  aspettativa
computabili per legge nel servizio,  ad  esclusione  dei  periodi  di
aspettativa per incarichi politici elettivi; 
        2.e) per gli avvocati l'effettivo esercizio dell'attivita' e'
comprovato dall'iscrizione all'albo; 
        2.f)  il  punteggio  per  la  qualita'  delle   funzioni   e'
cumulabile con il punteggio per l'anzianita' di servizio; 
      3) per il voto di laurea, fino a  12  (dodici)  punti,  secondo
quanto specificato nella tabella n. 2 allegata; 
      4) per le pubblicazioni scientifiche fino a 5 (cinque) punti: 
        4.a) sono valutati esclusivamente gli articoli pubblicati  su
riviste   scientifiche   periodiche   a   rilevanza    nazionale    o
internazionale e le pubblicazioni per le quali  sia  stato  fatto  il
deposito legale ai sensi dell'art. 1 della legge 15 aprile  2004,  n.
106, e di cui il candidato abbia presentato la documentazione con  le
forme previste dal presente bando; 
        4.b) sono valutate esclusivamente le pubblicazioni in materie
giuridiche o economiche; 
        4.c) le pubblicazioni in collaborazione sono valutabili  solo
se e' individuabile l'apporto del concorrente; 
        4.d) il punteggio e' attribuito dalla commissione nei  limiti
massimi di cui alla tabella n. 3 allegata; 
        4.e) la commissione valuta le pubblicazioni in relazione alla
capacita' di  analisi  e  alla  conoscenza  della  materia  che  esse
denotano; 
        4.f) la commissione valuta le pubblicazioni secondo  l'ordine
indicato dal candidato nella  domanda  di  partecipazione  e  non  e'
tenuta ad esaminare le pubblicazioni ulteriori rispetto a  quelle  il
cui punteggio, sommato, raggiunge il totale massimo attribuibile; 
      5) titoli vari professionali e culturali, fino a 6 (sei) punti: 
        5.a) i titoli vari e  il  relativo  punteggio  sono  elencati
nella tabella n. 4 allegata; 
        5.b)  per  titoli  non  previsti  nella  tabella  n.   4   la
commissione procede per analogia  se  assimilabili  ai  titoli  della
citata tabella; 
        5.c) gli incarichi  e  le  borse  di  studio  elencati  nella
tabella n. 4 sono valutati  per  il  periodo  ivi  previsto,  e  alle
condizioni ivi previste; 
        5.d) in relazione agli incarichi di giudice tributario  e  di
magistrato onorario non sono  valutati  gli  anni  in  cui  e'  stata
riportata  una  sanzione   superiore   a   quella   minima   prevista
dall'ordinamento  di  appartenenza,  salvo  che  sia  intervenuta  la
riabilitazione entro la data di scadenza del bando; 
        5.e) non sono valutabili i titoli non riconducibili,  nemmeno
per analogia, a quelli elencati nella tabella n. 4; 
        5.f) non sono comunque valutabili: 
          5.f.1) i titoli utilizzati dal candidato quali requisiti di
accesso al  concorso  o  che  hanno  determinato  lo  svolgimento  di
servizio o funzione gia' valutato ai sensi dei n.  1)  o  n.  2)  del
presente articolo; 
          5.f.2) i titoli che rientrano nel servizio o  funzione  del
concorrente, ivi compresa la partecipazione  a  gruppi  di  lavoro  o
commissioni di studio; 
          5.f.3) le attestazioni di svolgimento di  consulenza  degli
avvocati gia' comprese nel titolo procuratorio; 
          5.f.4) gli encomi e gli attestati di benemerenza; 
          5.f.5) le supplenze di insegnamento; 
          5.f.6) la pratica forense, la frequentazione  delle  scuole
delle professioni legali, il periodo di tirocinio presso  gli  uffici
giudiziari, prodromici al conseguimento dei requisiti di  accesso  al
concorso; 
          5.f.7) l'esercizio di mansioni superiori; 
          5.f.8) gli incarichi di commissario ad acta e le consulenze
tecniche d'ufficio; 
          5.f.9) l'esercizio di funzioni politiche diverse da  quelle
di cui all'art. 14, n. 8, legge n. 1034/1071; 
        5.g)   non   sono   valutabili   i   titoli,    prodotti    o
autocertificati, ai sensi del presente bando, dopo  la  scadenza  del
termine per la  presentazione  della  domanda,  nemmeno  in  caso  di
tempestiva riserva di successiva integrazione della documentazione; 
        5.h) non sono valutabili i titoli non prodotti in  originale,
o in copia autentica o in copia dichiarata conforme all'originale  ai
sensi delle norme vigenti o il cui possesso non  sia  stato  comunque
dimostrato con dichiarazione sostitutiva di certificazione o di  atto
di notorieta'; ai fini dell'autocertificazione e'  necessaria,  oltre
che la firma  del  dichiarante,  l'allegazione  di  copia  di  valido
documento di identita', che puo' essere  unica  per  tutti  i  titoli
autocertificati. 
 

              Parte di provvedimento in formato grafico

 
    ». 
    Sono fatti salvi i termini di scadenza per la presentazione delle
domande.